Home » Styloveit » Vintage Selection, la moda del futuro ha il cuore antico

Vintage Selection, la moda del futuro ha il cuore antico

foto (9)Si scrive Vintage Selection, si legge ricerca di stile. Già perché la mostra mercato di moda e oggettistica dal sapore retrò, che la Stazione Leopolda ospita dal 23 al 23 gennaio 2013, è ormai diventata il paradiso dei cool hunter e degli uffici di stile dei grandi marchi. Tutti qui a curiosare nelle due lunghe sale dell’ex stazione tra vetrinette e stand per trovare l’ispirazione o il dettaglio per caratterizzare una nuova collezione o addirittura dare il via a una nuova moda. Il tema di quest’anno è Missione Futuro.
Se pensi ai film di fantascienza due sono i nomi che ti vengono spontanei: Barbarella per il look di Jane Fonda firmato Paco Rabanne ma soprattutto Blade Runner. Vintage Selection n.21 passerà agli annali per la performance a firma di Felice Limosani che si è ispirato per l’appunto al film di Ridley Scott. Lacrime nella pioggia ha trasformato lo spazio Alcatraz della Leopolda nel set della celebre pellicola. Chiaro il messaggio: non avere paura dei replicanti. Come non ne ha Barbara Ricchi che ha lanciato il progetto My vintage academy. Il suo laboratorio da trent’anni lavora per realizzare cinte e accessori in pelle per i brand più famosi: basti pensare che la cintura disegnata da Riccardo Tisci per Givenchy e indossata da Madonna nel Superbowl del 2012 è stata realizzata qui, in Toscana. Ora ha deciso di creare un grande archivio on line dove studiosi e creativi potranno trovare ispirazione consultando un ampio database con migliaia di modelli. Volendo, sarà possibile anche affittare l’oggetto. La performance di Limosani è stata proprio concepita per promuovere l’iniziativa di MVA (www.myvintageacademy.com).
Un occhio al passato, si diceva, ma senza dimenticare di scrutare l’orizzonte. Future Trend è una finestra sul mondo di chi si ispira al vintage per creare la nuova moda. Una mostra, I.LOVE.ARCHIVE3, dove attraverso fotografie raccolte dall’archivio di Pitti, sonda invece i confini della moda d’antan.
Non mancano iniziative all’insegna dell’intrattenimento. C’è un’esposizione di mezzi di trasporto vintage su 2 e 4 ruote e addirittura per chi vuole si può organizzare un tour vintage, magari in lambretta. Molti i workshop, uno addirittura su gorgiere maschili e corsetti femminili. Con la macchinetta automatica per fototessere ci si può fotografare in look vintage e poi con Tag-Automatica postare lo scatto sul social network preferito. Ma ci saranno pure l’elezione di Miss e Mr. Vintage, concerti, happy hour e dj set rigorosamente vintage. Tutti i pomeriggi insieme con Ester, alias la donna ideale, via al teatrodramma a cura di Murmuris Teatro (www.murmuris.it). Ispirandosi alla celebre Enciclopedia della donna Ester dispenderà preziosissimi consigli di stile e bellezza. Parola per parola creerà il compendio perfetto della donna moderna.
Tutti buoni motivi per fare un salto alla Stazione Leopolda.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la “sua” Firenze.

Inserisci un commento