Home » Enogastronomia » Una cena mondiale per scoprire la cucina francese, ecco dove mangiare a Firenze

Una cena mondiale per scoprire la cucina francese, ecco dove mangiare a Firenze

gout-de-franceToscana in prima fila in Italia per l’evento Gout de France che vedrà giovedì 19 marzo 2015 mille chef e mille menu proposti nella stessa sera in cinque diversi continenti per celebrare la gastronomia francese. L’Italia è al primo posto nel mondo per numero di partecipanti : 95 i ristoranti che hanno aderito. Nove sono in Toscana: il Bistrot Del Mondo – Da Bobo a
Scandicci / Presidio Slowfood (chef Francesca Cianchi), La Tenda Rossa a San Casciano (chef Maria Probst e Cristian Santandrea), l’Hotel Belvedere (chef Daniele Ciofi) a Montecatini e a Firenze: Benedicta Ristorante (chef Luciano Ioppoli), Carmen (chef Silvia Moneti), Il Santo Bevitore (chef Pierluigi Campi), Il Palmerino (chef Federica Parretti), Novotel Firenze Nord (chef Said El Moustaid), Borgo San Jacopo (chef Peter Brunel).
Una bella risposta che non deve sorprendere visto che la Toscana ha un peso specifico notevole quando si parla di enogastronomia italiana. L’operazione Goût de / Good France è stata lanciata in partenariato con dei grandi chef, in occasione della seconda sessione del Consiglio di promozione del turismo per rendere omaggio alla cucina francese e ai suoi valori di convivialità.
Una festa, ai fornelli, che coinvolge dal bistrot di qualità ai ristoranti stellati. Ogni ristorante valorizzerà sia la gastronomia francese in tutta la sua varietà e qualità che la sua propria cucina e il proprio savoir-faire. I menù, non poteva essere diversamente nell’anno dell’Expo2015 dedicato al cibo, punteranno a mandare anche un segnale di “mangiare bene” nel rispetto della salute e dell’ambiente. Una cucina quindi che predilige il meno: meno grassi, zucchero e sale, più frutta e verdure. Il 5% del prezzo del menù sarà riversato ad una ong locale che operi per il rispetto della salute e dell’ambiente.
Insomma un progetto che unisce la buona alimentazione con l’impegno per la tutela del pianeta.
Lista completa nazionale con menù e maggiori informazioni su: http://institutfrancais-firenze.com
Tra gli appuntamenti collaterali da segnalare a Scandicci dal 19 al 22 marzo, in via Pascoli, il Mercatino regionale francese e sabato 21 marzo alle 18 presso la Fabbrica dei Saperi l’appuntamento dedicato a “La gastronomia fiorentina alla corte di Francia”, con Denis Saillard, docente dell’ Università di Versailles-Saint-Quentin, Fabio Picchi del ristorante Cibreo e l’Assessore alla Cultura del Comune di Scandicci Giuseppe Matulli. Infine domenica 22 marzo alle 16, presso il Castello dell’Acciaiolo la mostra “La Toscana francese” con soldatini, pannelli, documenti d’epoca provenienti da collezioni private, a cura dell’Associazione culturale 113° Reggimento di Fanteria di Linea.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento