Home » Musica » Trentemøller, l’elettronica che piace ai registi

Trentemøller, l’elettronica che piace ai registi

Trentemoller_2_Noam_GriegstLa sua musica ha sedotto il regista Pedro Almodovar e David Lynch, i Depeche Mode hanno voluto il suo dj set ad aprire il loro Delta machine tour. Anders Trentemoller dopo un il lunghissimo tour di Lost, suo fortunato terzo album, sarà in concerto al Viper, a Firenze mercoledì 24 settembre (apertura porte ore 21). Il concerto porta la firma Nextech Special  ed offre un appuntamento d’eccezione per chi ama la musica elettronica. Il compositore danese porta i suoi paesaggi sonori nei club con un risultato insolito ma di grande impatto: un mix tra indie ed elettronica e krautrock. Per Anders Trentemøller, che non ha mai ceduto alle mode ma è sempre stato fedele al suo stile musicale, una grande soddisfazione vedere aumentare consensi e spettatori ai suoi concerti dal vivo.
I suoi tre album (“The Last Resort”, 2006; “Into The Great Wide Yonder”, 2010; “Lost”, 2013) sono stati un autentico crescendo e gli hanno regalato popolarità e fan importanti. David Lynch gli ha affidato il remix di un suo brano, Crazy clown time. Pedro Almodovar ha usato la traccia “Shades Of Marble” nel trailer e nella colonna sonora del film “La pelle che abito”; l’apertura delle date europee del tour dei Depeche Mode.
Un live set, quello di Trentemøller, che usa i linguaggi di house, techno e post rock come piattaforme da cui lanciarsi verso territori onirici e rari da esplorare. L’artista è accompagnato dalla sua band composta da cinque elementi (batteria, chitarre, basso e lui stesso alle tastiere).

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la “sua” Firenze.

Inserisci un commento