Home » Enogastronomia » Terre di Toscana, 600 etichette per raccontare il vino d’autore

Terre di Toscana, 600 etichette per raccontare il vino d’autore

camaiore_terre_di_toscanaSei anni di Terre di Toscana. L’evento enogastronomico che si tiene all’Una Hotel Versilia, domenica 3 e lunedì 4 marzo 2013, quest’anno propone 130 produttori con oltre 600 etichette in degustazione ai banchi di assaggio. Nel bicchiere ci sarà davvero tutta la Toscana tra passato presente e futuro del vino: Chianti Classico, Montalcino, Montepulciano e San Gimignano, Bolgheri e la Maremma, Montecucco, Val di Cornia, Cortona, Pisa, Lucca, Massa. Rispetto alla scorsa edizione, un quarto dei produttori presenti è qui per la prima volta.
Non solo vino per l’evento che si tiene sul lungomare di Lido di Camaiore, ideato ed organizzato dalla squadra di Acquabuona.it, testata on-line di enogastronomia e agroalimentare. Torna Golosizia, con il giornalista enogastronomico Claudio Mollo, dedicato alla cucina toscana con chef emergenti o già affermati. Le esibizioni saranno riservate al pubblico di Terre di Toscana con un piccolo contributo aggiuntivo di 5 euro.
Domenica 3 marzo si parte con Alessia Morabito, chef emergente del ristorante La Terra di Nello di Castiglione della Pescaia; seguiranno Maria Probst e Natascia Santandrea, chef e titolare de La Tenda Rossa di Cerbaia Val di Pesa, che si fregia della stella Michelin; Fabrizio Girasoli, chef anch’egli “stellato” del ristorante Butterfly di Marlia; chiuderà Paul De Bondt, famoso cioccolatiere in Pisa. Il programma del lunedì pomeriggio vede Angelo Torcigliani chef del ristorante Il Merlo di Camaiore; a seguire Paolo Orazzini, interprete di antiche ricette nel suo ristorante Askos-Il Gusto Etrusco di San Vincenzo e, Paolo Sacchetti, della pasticceria Nuovo Mondo, premiato nel 2012 miglior pasticcere dell’anno dall’Accademia Maestri Pasticceri Italiani. Per informazioni e prenotazioni: info@acquabuona.it, www.terreditoscana.info, tel. 3391177267.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento