Suggestioni nipponiche alla Galleria d’arte moderna

68

Suggestioni giapponesi nelle sale dell’Andito degli Angiolini della Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti. E’ un cerchio che si chiude: qui a Firenze dopo partì il Rinascimento dell’arte, la pittura nipponica si presenta con Tourbillon, la prima grande mostra italiana dell’artista Masaaki Miyasako. Un pittore che a casa, in Giappone, è considerato il leader del recupero della trazione, ma anche uno dei pittori più innovativi del momento. Curata da Junji Ito, l’esposizione arriva a Firenze sino al 29 giugno 2014 dopo aver conquistato le platee di Lisbonia e Budapest. Miyasako è un artista di grande sensibilità e raffinatezza, minimalista come vuole la tradizione del Sol Levante. Classico eppure contemporaneo per la sua capacità di interpretare con grande personalità forme e accostamenti cromatici. Il risultato è una pittura che pur nel solco della tradizione, è al passo con i tempi. Masaaki Miyasako è professore alla Tokyo University of the Arts e dimostra di avere una padronanza totale delle tecniche artistiche. Un virtuoso del pennello, capace di utilizzare tecniche complesse e di origine antichissima come la Urazaishiki, che comporta l’applicazione del colore anche sul retro del supporto. Protagonisti dei suoi lavori paesaggi giapponesi, ma anche donne, uomini, animali, frutta e fiori, dipinti con finissime sfumature cromatiche. In mostra sono esposte 30 opere, per lo più di grandi dimensioni o composte in pannelli.
Info: Andito degli Angiolini, Galleria d’arte moderna, Palazzo Pitti. Orario: da martedì a domenica, ore 10 – 18.50, chiusura lunedì. Ingresso libero.