Home » Nightlife » Sabrina Salerno, dagli anni ’80 allo Xenon Legendary

Sabrina Salerno, dagli anni ’80 allo Xenon Legendary

Sabrina Salerno (9)I quarantenni di oggi mi possono capire. Dici Sabrina Salerno e subito pensi a “Boys”. La sua canzone, (e soprattutto il video che la accompagnava), negli anni Ottanta ha spopolato, regalando a lei un successo planetario. Da allora sono passati più di vent’anni ma la bella Sabrina ha saputo gestire l’eredità di questa popolarità straordinaria con ironia e sex appeal. Mercoledì 24 aprile è a Firenze, all’Otel Varieté per il quarto capitolo di ‘Xenon Legendary ’80’. Un omaggio allo storico club di Scandicci.
Dopo i The Rockets, i Santa Esmeralda (esibitisi nel 2010), Sandy Marton e Den Harrow (nel 2011), Paul Young e gli Snap! (nel 2012), quest’anno il centro del palcoscenico sarà tutto per lei. La cantante, attrice e showgirl tornerà ad interpretare alcuni dei dischi storici che l’hanno resa nota al grande pubblico italiano ed europeo tra il 1984 ed il 1991, come “Boys” (che raggiunse la terza posizione della classifica britannica, consacrandola come prima artista italiana a raggiungere tale risultato), “My Chico”, “Sexy Girls”, “Sabrina”, “Siamo donne” (cantata in coppia con Jo Squillo nel Sanremo 1991) animando il pubblico dell’Otel Varieté con la sua performance dal vivo di musica tipicamente italo-disco e dance-rock. All’interno del privé sarà allestito un vero e proprio percorso fatto di installazioni e materiali da collezione tutti degli anni ’80, come dischi in vinile, luci, giradischi, fotografie e perfino capi d’abbigliamento a tema.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento