Ponte dell’Immacolata in cantina per genitori e figli

0
3

MTV Toscana Cantine a NatalePonte dell’Immacolata in cantina. Dal 5 al 6 dicembre (ma in alcuni casi addirittura fino all’8 dicembre) Cantine Aperte a Natale. Turisti e gli appassionati di vino potranno visitare le più belle cantine toscane per i regali da mettere sotto l’albero. Oltre 20 cantine aperte per il weekend dell’Immacolata. Mercatini di Natale animati da degustazioni, eventi di solidarietà, musica dal vivo, mostre e laboratori di cucina con un occhio di riguardo per i bambini. Il tema di questa edizione sarà “Natale in cantina per grandi e piccini”, con attività didattiche rivolte a tutti e lezioni di cucina o laboratori creativi per i più piccoli. L’evento è promosso dal Movimento Turismo del Vino Toscana in tutto il territorio vitivinicolo regionale. Dal Chianti Classico alla Val d’Orcia, da Montepulciano a Montalcino, dalla provincia di Firenze a quelle di Pistoia e Pisa, qui il programma delle Cantine Aperte a Natale.
In Toscana Cantine Aperte a Natale avrà un prologo a scopo benefico. Venerdì 4 dicembre infatti, a Certaldo l’MTV ha in programma un’asta e una cena benefiche aperte a tutti in favore del progetto “Motorhome”. Il ricavato dell’asta servirà ad acquistare un camper per far evadere i bambini dal mondo dell’ospedale per un giorno. Il progetto, in collaborazione con l’associazione Daniele Mariano per la lotta alla leucemia e tumori infantili e con l’associazione Taxi Milano 25 di Caterina Bellandi, prevede la messa all’asta di lotti offerti dalle cantine del Movimento Turismo del Vino.
Il programma della serata partirà dalle 19 con la visita di Palazzo Pretorio e della casa di Boccaccio e con un aperitivo offerto dal MTV Toscana. L’asta, prevista al ristorante “Il Castello” per le 20 e curata dal noto battitore Curzio Mazzi, sarà seguita da una cena (su prenotazione) il cui ricavato andrà in parte anch’esso per l’iniziativa. Durante la cena saranno serviti i vini donati da due cantine fuori Toscana, quella di Elena Fucci e le Perle del Garda, mentre il menu, in abbinamento ai vini, sarà studiato da Alessandro Signorini dell’Accademia Italiana della Cucina delegazione Val d’Elsa Fiorentina. La zuppa di Certaldo sarà tra i piatti protagonisti.