Home » Styloveit » Pitti Uomo 87, va lo stile gentleman dalla testa ai piedi

Pitti Uomo 87, va lo stile gentleman dalla testa ai piedi

gentleman1Si riconosce dal papillon, dalla barba curata e dalle scarpe impeccabili il vero gentleman. Lo stile dandy sarà di gran moda nell’autunno-inverno 2015/2016. A Pitti Uomo 87, dal 12 gennaio 2015 in Fortezza da Basso, in mostra proposte e ultime tendenze dei brand di moda più celebri. Walkabout è il tema del salone di quest’anno e infatti il nostro gentleman punta moltissimo sulle scarpe e sugli accessori in generale.
Uno stile chic ma informale per la città, pratico e sportivo per il tempo libero con piccoli vezzi e dettagli extralusso per un guardaroba maschile da ‘vero’ signore. Un incrocio tra il playboy anni Settanta e il gentiluomo di campagna.
Un felice mix tra sportswear e sartoriale, non a caso la parola d’ordine sembra essere l’abbinamento tra i tessuti più diversi: dalle fibre più nobili come seta e cashmere da abbinare a pelle e nylon, per una comodità che non rinuncia al tocco di classe. Il fit del completo è sempre più slim per la gioia di una clientela giovane e decisamente in linea. Marchi storici come Paoloni propongono i pantaloni a tubo, corti al malleolo come detta la moda e giacche smilze. Per chi non può permettersele  alcuni marchi corrono ai ripari e propongono tagli più adatti a una figura maschile più piena e che dona a tutti come Tommy Hilfiger con la sua collezione Tailored.

Myths_Myths presenta la collezione Autunno-Inverno 2015/16 dove troviamo forti richiami nelle linee Deluxe e mood Bohémien Chic. Chiaro il richiamo all’estetica pura del neo-dandy, da sempre fonte d’ispirazione per Myths.
Giacche e capospalla prendono i tessuti dal mondo dell’abbigliamento sportivo con tocchi di lusso dati dalle fodere in pelliccia o addirittura in cachemire.
Il playboy anni Settanta come Gigi Rizzi e il suo cappottino corto, ispira Landini mentre Roy Roger’s e Paoloni apprezzano i tessuti più grezzi e pesanti come il casentino.
Morbide lane a quadri grandi e piccoli da Brunelli Cucinelli si sposano con flanella cardata e lane stretch. Il nostro dandy ama il mix and match e si vede. Perfino i parka dalle linee generose, in cotone canvas diventano waterproof traspiranti da Dekker, Bogner, Herno, Husky, il montgomery Malbrun diventa multitasche per la gioia di chi non sa mai dove riporre telefono, chiavi e portafogli.lardini1
Gli accessori non possono mancare per questo gentiluomo di campagna. Da Doria 1905 ritroviamo per i 110 anni del brand la coppola nel colore del momento, il marsala. Il marchio di Maglie propone una collezione in edizione limitata fatta di 1905 pezzi, tanti quanti sono gli anni dell’azienda che da sempre si fa conoscere e apprezzare per i cappelli.
L.B.M. 1911 propone il gilet stampa cravatta mentre non mancano i papillon come nel caso di Jaggy coordinati ai pantaloni, essendo realizzati nello stesso tessuto.

pitti-uomo-87-thomas-mason Thomas Mason presenta il papillon in una veste nuova. Quattro declinazioni diverse a seconda delle situazioni: dal casual luxury, in materiali preziosi come cashmere, maglia, cotone e lino per un look casual e ricercato al colourful dove predominano il giallo, il fucsia, il viola, il rosa e il turchese e i colori tipicamente britannici (rosso, verde, blu, bordeaux). Ci sono le micro stampe per le cravatte più classiche e quelle più eccentriche che spuntano dalle pochette. Non manca la versione in denim, Indigo e il Tuxedo style, classico ma rivisitato in chiave moderna, con l’utilizzo di materie prime innovative.
pitti-uomo-87-roy-rogersLe scarpe sono tutto per questo gentleman inglese che tanto sarebbe piaciuto alla Swinging London. Predilige le classiche stringate proposte anche in colori inediti nella gamma dal viola al nero. Adora i Beatles al punto da adottare lo stivaletto che fu portato al successo dai Fab Four e che ritroviamo con il suo allure casual nella proposta a firma NR Rapisardi per l’uomo di oggi. C’è chi preferisce modelli più classici come francesine e derby bicolore e i tronchetti amati da Harmont&Blaine. Non mancano i pellami pregiati e inconsueti come da Pantofola d’Oro, Geox.
Nr rapisardi _ stivaletto ASTI uomo FW 15 PittiIl dandy dedica una grande cura ai dettagli. Ne sa qualcosa Roy Roger’s che, nei giorni di Pitti Uomo, dal 13 al 14 gennaio 2015, ospiterà lo shoeshiner Jock Kennedy. Chi vorrà potrà farsi pulire le scarpe con un metodo speciale: cera applicata con le mani e poi rimossa con strisce di nylon. Le cere sono naturali al 100 per cento, formate da cera carnauba e cera d’api naturale. Il messaggio del brand è quello di puntare su lavori manuali nobili e sull’artigianalità.

pitti-uomo-87-accessori-galloIl calzino è fondamentale nell’uomo elegante. Gallo porta il suo OrtoGallo, un inno alla natura e un omaggio a Expo 2015 che pone al centro i temi dell’alimentazione. Le calze sono realizzate con una stampa ad alta definizione e propongono immagini di frutta e verdura ispirate alle illustrazioni botaniche giapponesi e agli acquerelli inglesi. La collezione OrtoGallo sarà venduta proprio in occasione della Grande Esposizione Universale di Milano, da maggio 2015 e il ricavato andrà a finanziare un progetto, Ovci per tutti i bambini del mondo.

pitti-uomo-87-prorasoPer i dandy torna a grande richiesta il temporary barber shop firmato Proraso. Una delle attrazioni del classico maschile di Just Like A Man: il progetto espositivo di Pitti Uomo, dedicato al lifestyle contemporaneo e ai trend emergenti dell’eleganza maschile, al Piano Attico del Padiglione Centrale, ricrea l’atmosfera di un Gentlemen’s Club. Le aree speciali – la barberia a cura di Proraso, lo sciuscià interpretato da Cuoio di Toscana e lo Spazio Fumoir – offrono un momento di relax ai visitatori.
Proraso farà rivivere il rito della rasatura a regola d’arte. Il servizio di barberia è disponibile previa prenotazione duranti i 4 giorni di fiera: dalle 9:30 alle 13 e dalle 14 alle 18 di martedì, mercoledì e giovedì, o dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 16 del venerdì.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento