Home » Enogastronomia » Pescepane, la risposta fiorentina al fish&chips

Pescepane, la risposta fiorentina al fish&chips

La risposta fiorentina al fish&chips. Pescepane è il primo streetfood a base di frutti di mare, crostacei e pesce. Tanto per sfatare il luogo comune che vuole Firenze il regno della ciccia e del quinto quarto. Il progetto parte dal cuore della Toscana ma nasce già “formato esportazione”.
Gianni Pierattoni, Tommaso Giovannini e Nicola Pasqua, i tre quarantenni toscani con la passione per il food truck che hanno messo a punto l’idea, vogliono esportare la formula in altre città italiane. “Pescepane coniuga la cucina mobile eat-inerante e la migliore tradizione del cibo di mare made in Italy allo “street seafood” internazionale. Il tutto unito alla convivialità e alla semplicità tipica del cibo di strada e del suo elemento primario: il pane”. Non a caso nella scelta dei piatti hanno attinto ai ricordi d’infanzia e ai piatti che preparavano le nonne.
Semplice ma d’effetto il menu: si va dal fritto alle cruditè di verdure, non potevano mancare fish&chips di baccalà, alici e sarde con mandorle, hamburger di branzino, tacos, schiacciatine e il “pesce-pane”: una rivisitazione della storica mozzarella in carrozza servita con pecorino, acciughine marinate, pomodorini secchi ed erbette in due fette di pane toscano dorato. Da provare assolutamente, possibilmente se non si è a dieta.
A fare la differenza, però, è la doratura fatta con semola di grano duro biologica, farina di mais, farina di riso, pan grattato pensata anche per gli intolleranti.
L’ultima grande novità di Pescepane è che tutto viene preparato e servito su un Apecar Classic vintage. Un food truck come è di gran moda che concilia un design attento e ricercato con esigenze sempre nuove e spazi sempre più ridotti. Così non c’è piazza del centro storico che non possa accogliere l’Apecar.
Per conoscere il  luogo più vicino dove trovare Pescepane clicca qui.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento