Home » Arte » Performance con scultura vivente per ricordare Piero Manzoni

Performance con scultura vivente per ricordare Piero Manzoni

Piero Manzoni 1Cinquant’anni fa moriva a causa di un infarto Piero Manzoni. Aveva trent’anni. Oggi è uno degli artisti più noti al mondo, passato alla storia per alcune sue creazioni: Merda d’artista, Fiato d’Artista e Divorare l’Arte. Per ricordarlo, a mezzo secolo di distanza, una serata in cui saranno letti i suoi scritti e sarà replicata, in suo omaggio, la performance della scultura vivente. Ognuno dei presenti apporrà la sua firma sul corpo nudo di una modella, proprio come fu nel 1961. L’appuntamento è mercoledì 13 febbraio 2013 alle ore 17, nel Cenacolo dell’Accademia di belle arti per la prima lezione scenica, per il secondo ciclo del Teatro dell’opera.
Saranno gli attori Fulvio Cauteruccio e Laura Bandelloni a leggere alcuni dei manifesti scritti dall’autore per affermare e chiarire la sua visione dell’arte alla fine degli anni Cinquanta. Il Teatro dell’Opera, rassegna del Teatro Studio Krypton presentata con successo nel 2012, viene realizzata anche quest’anno con il sostegno della Regione Toscana nell’ambito del progetto Toscanaincontemporanea2012.
Il Teatro dell’Opera propone lezioni sull’arte moderna e contemporanea, attraverso gli strumenti del teatro. Vere e proprie lezioni spettacolo in cui si completano l’esperienza teatrale e multimediale di Giancarlo Cauteruccio, con l’esperienza critica e storico-artistica di Sergio Risaliti. Un modo nuovo di fare didattica che quest’anno tocca tre importanti luoghi del contemporaneo e dell’arte in Toscana: l’Accademia di Belle Arti di Firenze, il Teatro Studio di Scandicci e il Centro Pecci di Prato. Le lezioni sono a ingresso libero. Per informazioni Teatro Studio – 055 7591591 info@teatrostudiokrypton.it.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento