Home » Arte » Patty Pravo, gli abiti di Sanremo in mostra a Palazzo Pitti

Patty Pravo, gli abiti di Sanremo in mostra a Palazzo Pitti

Abito di Patty PravoBASSASanremo alla Galleria del Costume di Palazzo Pitti. Non solo papaveri e papere, ma anche abiti. Il festival della canzone italiana è il fedele specchio di com’è cambiato il concetto di eleganza nel corso degli anni. Le mode che poi abbiamo seguito tutti, spesso sono state lanciate proprio dal palco dell’Ariston. Patty Pravo si contende la palma con Loredana Bertè e Anna Oxa tra le cantanti più originali e griffate. La ragazza del Piper o meglio gli abiti indossati da lei saranno esposti nel museo fiorentino.
L’occasione è data dal trentennale della fondazione del museo. A distanza di tre anni dall’ultima “rotazione”, alla Galleria del Costume di Palazzo Pitti, è stato deciso di allestire l’esposizione di una nuova selezione di abiti che ha per tema “Donne protagoniste nel Novecento”. La mostra vuole esporre gli outfit di donne che si sono distinte in discipline o campi diversi. Un omaggio al loro talento e alla loro femminilità. Ci saranno mise appartenute a Rosa Genoni, Eleonora Duse, donna Franca Florio, Antonella Cannavò Florio, Anna Piaggi, Maria Cumani Quasimodo, Susan Nevelson, Cecilia Matteucci Lavarini, Lietta Cavalli, Anna Rontani, Flora Wiechmann Savioli, Angela Caputi e Patty Pravo.
L’artista veneta ha deciso di donare alla Galleria del Costume quattro abiti indossati durante le edizioni del 1984, del 1987 e del 2002 del “Festival di Sanremo”. La presentazione della nuova selezione di abiti avverrà lunedì 11 novembre con una preview per la stampa a cui parteciperà anche Patty Pravo. (nella foto: abito da sera in chiffon di seta nero interamente ricamato con perline iridiscenti nere, verdi, blu e bronzo, Gucci, 1987. L’abito è stato ideato e realizzato da Gucci per Patty Pravo in occasione della terza serata del “Festival Sanremo 1987” per il brano Pigramente Signora).

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento