Home » Arte » Meccano Pirata: l’omaggio di Tano Pisano a Pantani

Meccano Pirata: l’omaggio di Tano Pisano a Pantani

_DSC3515Il Giro d’Italia passa per Fiesole, domenica 12 maggio 2013, e l’artista Tano Pisano ne ha approfittato per un suo personale omaggio a Marco Pantani. La mostra dell’artista di Lentini è in corso sino al 2 giugno, nella Sala del Basolato, e si chiama “Fiori e altre piccole cose”. Pisano, però, è un appassionato di ciclismo e ha realizzato l’installazione dedicata a Pantani “Meccano Pirata”, per salutare il passaggio della carovana rosa in piazza Mino. La scultura, interamente costruita con i pezzi di metallo colorato del Meccano, ha una base di 90,5 cm ed è alta ben 352 cm. Resterà esposta sino al 2 giugno.
Tano Pisano continua quindi a stupire, questa volta con un sincero omaggio al Pirata del ciclismo italiano.
Di tutt’altro tenore invece la mostra Fiori e altre piccole cose, in cui l’artista presenta i suoi acquerelli floreali. Una versione decisamente originale la sua, non le classiche nature morte. Tanto colore per suscitare sensazioni ed emozioni e gli oggetti che ritroviamo di solito nei dipinti di Tano: pesci, boccali, ciotole, vasi, insetti. Fiori e piccoli oggetti, un minimalismo quasi orientale che sarà apprezzato dagli amanti del Giappone ma anche da coloro che a una pittura didascalica e figurativa preferiscono una pennellata dettata più dall’emozione. D’altro canto Pisano, agli inizi della carriera, ha utilizzato la pittura come terapia in case di cura, ha aperto un ristorante a Copenaghen e lavorato come designer per la Illum. Pittore giramondo curioso e alla ricerca di sensazioni, a Fiesole ha scelto di parlare della sua arte con i fiori e con la passione per il ciclismo e Pantani.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento