Manu PHL, il rapper toscano che le canta alla Juve

0
3

Manu 1Il titolo è tutto un programma: Contro la Juve. Il rapper toscano Manu PHL, al secolo Emanuele Flandoli forse faticherà a fare breccia nel cuore dei tifosi strisciati con il suo singolo ma a Firenze è già un mito. Perchè lui alla vecchia Signora gliele canta, senza sconti.
Manu PHL, nato a Torino ma cresciuto a Pisa, deve al nonno Carlo, tifoso granata doc, la passione per il calcio. Rapper e produttore apprezzato (vanta collaborazioni con Clementino, Turi, Kiave, Debbit, Canesecco) ha scelto Contro la Juve come singolo dell’ep ‘Contro’. Il disco, distribuito su iTunes e tutti i digital store da ‘Made In Etaly’ su etichetta ‘La Grande Onda’, label fondata da Tommaso ‘Piotta’ Zanello. Testi all’insegna dell’ironia, una miscela di rap, funk, elettronica e rock per un discorso smaccatamente contro. Il lavoro esce a quattro anni di distanza dal precedente album ‘Aria Precaria’ (che conteneva il fortunato hit ‘Jente di Toscana’, in cui il nostro si dava al rap in vernacolo toscano). In ‘Contro la Juve’, il rapper, di fede granata, usa la metafora del calcio per una critica più ampia della situazione sociale attuale dell’Italia, dove solo i prepotenti sembrano riuscire a farsi strada. Nel brano, Manu PHL dice: ‘Mica ti si avvicina la cima se non hai alle spalle un avvocato, un presidente, un bello sponsor’. Nel video, firmato da Gerardo Marinari, protagonisti calciatori che si sfidano a ritmo di breakdance, tifosi, procuratori che si destreggiano tra polveri bianche e carte viola, e bambini che, invece, credono ancora nella magia del calcio. Nell’ep spicca il brano ‘Peppe Vessicchio’, un omaggio allo storico direttore di tante canzoni del festival di Sanremo.
La produzione del lavoro è interamente curata e suonata da Manu PHL eccetto le chitarre affidate ad Alessandro Riccardi. La voce in ‘Rughe’ è quella di Francesco Marchini. Tutto è stato registrato, mixato e masterizzato da Emiliano Ra-B a La Zona, Roma.
Per vedere il video: http://youtu.be/2RFhloITqDo