Home » Nightlife » Locali all’aperto, con la bella stagione è tempo di novità e riaperture a Firenze

Locali all’aperto, con la bella stagione è tempo di novità e riaperture a Firenze

Flò, Luci, Chalet Fontana e tanti altri. Con la primavera aprono i locali all’aperto. Il Flò riparte al Piazzale Michelangelo dal 14 maggio. La terrazza su Firenze propone un ricco programma di aperitivi, happy hour ed after dinner. La direzione artistica è di Otel (a firma Mirko Francalanci). Tra gli appuntamenti la novità del giovedì a marchio “Bootleg” annunciato come il nuovo party vip dell’estate: il jet set toscano, la club house music selezionata da un roster di djs nazionali ed internazionali (il resident Marco Bertani in prima linea) e tante partnership con i più esclusivi locali d’Italia, oltre ad uno staff di animazione d’eccezione. Questa la settimana del Flò: lunedì con “Latin Flò”, per chi ama la salsa cubana e portoricana, reggaeton ed altri balli caraibici; il martedì “Strepitoso”, notte dedicata agli operatori della movida fiorentina ed agli studenti universitari in visita a Firenze; mercoledì dal titolo “Let’s Flò Party”, con una serata revival con gli anni d’oro della discomusic ’70 e ’80 con i live set delle migliori band toscane dal sapore retrò e dalle 23 via dj set con happy e oldschool music; venerdì sarà “glam”, con musica soulful e glam house; sabato invece tocca a “Flove”: aperitivo con live set, brindisi ed a seguire musica R’n’B, animazione sui cubi ed un proseguo happy-house dal sapore cosmopolita.
Domenica a chiudere la settimana “AperItalia”: serata al cento per cento tricolore, costruita su un gran buffet arricchito da live music e dj set italian style. Special performers occasionali Walter & Dido.
A maggio riapre anche la terrazza esterna di Luci al Piazzale. L’ex Bologna, da alcuni anni diventato un punto di riferimento per il nightlife fiorentino propone american bar, musica e buon cibo. In molti scelgono questa terrazza anche per eventi privati con vista mozzafiato dal piazzale.
Lo Chalet Fontana ha riaperto da un paio di mesi dopo tre anni di chiusura. Il nuovo corso del locale amato dai letterati sta ottenendo molti consensi in città: aperitivi, presentazioni di libri e in ordine di tempo l’ultima iniziativa, la domenica del poeta, con l’espresso gratis per chi regali versi spontanei e inediti. Il ristorante ha un menù con molti classici della cucina toscana e abili riletture; grande spazio ai piatti di pesce. Imminente l’apertura dell’area esterna, dove sarà prediposto un forno per chi vuole la pizza e dove ci sarà addirittura un’arena per gli spettacoli. I lavori sono ormai a buon punto e l’apertura ufficiale dovrebbe avvenire entro la fine del mese.
Rari Firenze è già ripartita con i brunch all’aperto della domenica, complice un inverno neanche poi così tanto freddo da impedire il pasto della domenica en plein air. Il locale sta per varare la stagione estiva anche se pesano incognite sul futuro.
Dal 26 aprile  il brunch domenicale di Villa Cora si tiene a bordo piscina nella cornice de Le Pool Bistrot con tanto di barbecue con le specialità alla griglia di carne e pesce preparate al momento. Imminente la ripartenza di aperitivi e after dinner lato piscina nel fine settimana per la Gran dame fiorentina.
Deposito Bagagli è il nuovo indirizzo per l’aperitivo all’aperto. Il bistrò toscano è in piazza della Libertà, 29/r, sotto i portici tra il caffè e Galanti. Deposito bagagli è nato per accompagnare dalla colazione all’after dinner, non a caso il locale resta aperto fino alle due di notte giovedì, venerdì e sabato (giorno di chiusura la domenica). Nel fine settimana spesso ci sono concerti o dj set. Molti i cocktail sfiziosi oltre ai classici, da provare il “Melospritz”, col succo di melograno fresco a 7 euro.
Infine attesa la riapertura del Dolce Vita, in piazza del Carmine con un ampio spazio all’aperto dopo la pedonalizzazione della piazza. Nuova gestione e nuova formula per uno dei locali più amati che potrebbe riaprire per il ponte del 2 giugno.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento