Home » Arte » L’autoritratto sommerso di Bill Viola per gli Uffizi

L’autoritratto sommerso di Bill Viola per gli Uffizi

Self_Portrait_Submerged_MASTER.12434 (1080 x 1920)Un compleanno d’eccezione non poteva che avere un regalo speciale. Gli Amici degli Uffizi hanno avuto l’uno e l’altro e per loro il Natale che chiude i primi vent’anni di attività è di sicuro da incorniciare. Bill Viola ha fatto il regalo più bello che un’associazione da sempre impegnata nella tutela e promozione delle opere d’arte, potesse avere. Fino al 22 dicembre 2013, nella ex-chiesa di San Pier Scheraggio, si può vedere il video Self Portrait-Submerged che il grande artista americano ha donato all’associazione e che andrà ad arricchire le collezioni della Galleria fiorentina.
“Quando il direttore Antonio Natali mi ha invitato a contribuire con un autoritratto al Corridoio Vasariano della Galleria degli Uffizi – afferma Bill Viola – sono stato travolto da una grande emozione. L’accostamento di un mio ritratto a quello dei più importanti maestri dell’arte di ogni tempo, molti dei quali hanno ispirato il mio lavoro, è sicuramente un’esperienza che mi ha reso più umile”.
Il video appartiene alla serie Water Portraits, a rappresentare il percorso artistico che Viola sta portando avanti proprio nell’indagare l’elemento acqua: esprime quindi il cambiamento, il passaggio del tempo ed è una metafora per la nascita e la rinascita. Questo lavoro “rappresenta – come lo stesso Viola ha dichiarato – il mio mondo interiore, il luogo da cui la mia arte prende vita”.
“Su uno schermo al plasma verticale Self Portrait, Submerged raffigura lo stesso Viola immerso nell’acqua – sottolinea Kira Perov, sua compagna e collaboratrice da oltre 30 anni. I suoi occhi sono chiusi e lui sembra essere completamente rilassato, in pace. Solo le increspature dell’acqua animano i suoi movimenti, mentre il suono dell’acqua corrente permea lo spazio come sogni che filtrano attraverso il suo ambiente”. Il lavoro è esposto fino al 22 dicembre 2013.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento