Home » Styloveit » Lanana, la passione per la lana diventa una collezione di moda

Lanana, la passione per la lana diventa una collezione di moda

00stepnana15Ha unito nello stesso nome la passione per la lana con il soprannome che ha avuto da sempre, fin da quando era una bimba: Nana. Elena Bucciarelli ha chiamato Lanana la sua linea di abbigliamento tutta fatta di lana.
“Ho cominciato da piccola a lavorare la maglia con mia mamma e le nonne, questa passione l’ho sempre avuta -racconta Elena-. Mi piace il contatto con la lana, mi dà una sensazione di pace e il senso del conforto di un abbraccio. A casa e nella compagnia di amici, poi, mi chiamano Nana perché sono la più piccola di altezza. E’ nato così Lanana, un nome ironico e che ben mi identifica”.
Così Elena, una laurea in arti minori/costume e moda, ha sempre sferruzzato e a casa sua i ferri sono davvero di ogni dimensione e anche materiale: ne ha di nuovi e di vecchissimi.
Il suo talento lo impegna nel teatro, nella moda e in questa piccola linea artigianale che vende attraverso alcuni negozi selezionati a Firenze o sul suo sito. Con i ferri riesce a fare davvero tutto: ci sono maglioni che sembrano cotte medievali. Infatti è proprio il Medioevo a ispirarla.
“Mi piace trarre ispirazione dalla storia ma ogni capo è riletto in chiave contemporanea. Punto molto sui colori. Gioco con le forme e ne trovo di singolari: Molte delle cose che faccio sono unisex, tipo i cappelli, le sciarpe” spiega Elena.
Tanti cappelli, parrucche in lana (che però nascono pure loro come cappelli), sciarpe enormi (quelle ad anello sono meravigliose) e poi maglioni e cappe. Tutto rigorosamente in lana. Tutto fatto a mano. Veri e propri pezzi unici. Per il cotone non ha simpatia, proprio per la pesantezza delle fibre rispetto alla leggerezza della lana. La primavera e l’estate quindi le impiega a pensare alla collezione dell’anno successivo.
Per chi volesse conoscere i lavori di Elena: www.lanana.biz.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento