Home » Cinema » L’albergo dei vip mette in mostra le memorabilia delle star

L’albergo dei vip mette in mostra le memorabilia delle star

Salvatore MadonnaTutti abbiamo sognato almeno una volta di visitare l’albergo delle star del cinema e della moda. Per poter vedere i luoghi che li hanno visti, seppur fugacemente e provare a immaginare come sono quando sono umani, in vacanza o magari in viaggio per lavoro. Salvatore Madonna (nella foto), ceo del gruppo Soft Living Places, coadiuvato da Klaus Davi, è andato oltre e ha organizzato una piccola mostra di “memorabilia” dei Vip ospitati dall’Hotel Byron a Forte dei Marmi.
Una mostra che svela debolezze e piccole manie di personaggi del calibro di Naomi Campbell e Daniel Craig solo per fare due nomi. Una sorta di Hard Rock Cafè ma molto di lusso per la moda e il cinema.
Al Byron la “venere nera” Naomi è stata ospitata più volte, ma anche lo 007 britannico e la regista Jane Campion hanno alloggiato qui. Pure Robert Zemeckis, Anthony Hopkins, lo stilista Paul Smith e Gwyneth Paltrow hanno soggiornato in questo albergo top class.
Madonna, come usava una volta in occasione della visita di reali e capi di Stato, ha conservato oggetti di lusso distribuiti dal Byron ma anche degli altri resort del gruppo come il Green Park Resort di Tirrenia e il Plaza e De Russie di Viareggio.
Cosa trovare? L’accappatoio con le iniziali ricamate di Naomi Campbell, immaginandolo addosso alla venere nera; le ciabatte personalizzate per Daniel Craig, anche gli 007 le indossano e ancora le mascherina per dormire espressamente richieste da Anthony Hopkins, anche Hannibal fatica ad addormentarsi. Infine i bicchieri creati ad hoc per Robert Zemeckis.
Un’anteprima degli oggetti si terrà mercoledì 17 luglio a partire dalle 11.30 al Byron, pluripremiato come uno dei migliori alberghi del mondo, recentemente anche da GQ (http://www.johansens.com/news/2013-awards-for-excellence-winners), la mostra vera e propria in autunno al Green Park Resort di Tirrenia.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento