Home » Arte » La storia di Firenze scandita da fiori e giardini

La storia di Firenze scandita da fiori e giardini

Villa_di_poggio_a_caiano,_museo_della_natura_mortaUn viaggio nella storia di Firenze, dai Medici all’Unità d’Italia nel segno dei fiori e dei giardini. Quattordici incontri per un approccio diverso con gli episodi e i personaggi che hanno segnato le pagine più belle della città degli Giglio. Si parte il 23 ottobre con il Soprintendente per il Polo Museale Fiorentino, Cristina Acidini, alle prese con “La Primavera perfetta” e si chiude con la Direttrice della Villa medicea di Poggio a Caiano, Maria Matilde Simari, e il Museo della Natura Morta e il parco della Villa che lei stessa dirige.
Gli incontri del ciclo “Fiori e giardini a Firenze dai Medici all’Unità d’Italia” si tengono sempre di mercoledì, con inizio alle 15.30, nel Teatro del Rondò di Bacco di Palazzo Pitti.
Protagonisti la Sezione Didattica della Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze e il Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze (con la collaborazione dell’Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella e della Società Toscana dell’Orticoltura). Le conferenze si rivolgono a visitatori dei musei, docenti curiosi e appassionati di storia. L’approccio a metà tra il culturale e lo scientifico darà ampio spazio “alla botanica nelle sue varie declinazioni, alla rappresentazione artistica e scientifica dei fiori e all’allestimento dei giardini nel contesto storico e artistico fiorentino e in un arco temporale che va dal XVI al XIX secolo”.
“Si parlerà -spiegano gli organizzatori- di fiori dipinti ma anche della nascita della botanica moderna, della tradizione di Paracelso gli Uffizi e della lavorazione delle piante per ricavarne profumi, dei giardini delle ville granducali (Boboli, Petraia e Castello) e dell’evoluzione del Giardino dei Semplici, della nascita della Società Toscana di Orticoltura e del sistema verde nella Firenze Capitale”.
A fine ciclo è previsto, tra maggio e ottobre 2014, l’organizzazione di visite guidate presso giardini, orti, ville, musei, officine e laboratori per una verifica sul campo. L’ingresso a ogni conferenza è libero fino a esaurimento dei posti disponibili; ai docenti delle scuole che prenderanno parte agli incontri del ciclo di conferenze sarà rilasciato l’attestato di partecipazione.
Per ulteriori informazioni è possibile telefonare alla Sezione didattica del Polo Museale Fiorentino, al numero 055 284272, oppure scrivere un’e-mail all’indirizzo didattica@polomuseale.firenze.it.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento