Home » Musica » La rivincita delle donne che non si piangono addosso: al Glue

La rivincita delle donne che non si piangono addosso: al Glue

femina1Serata tutta al femminile al Glue di Firenze e soprattutto a tutto rock, come piace a noi per la festa della donna 2013. La star è Femina Ridens che presenta venerdì 8 marzo in anteprima il suo album, in uscita l’11 marzo (A buzz supreme). Chi lo ha ascoltato di lei dice grandi cose. La nostra Femina Ridens si presenta così: “Canto per le inadeguate, le furiose, le insoddisfatte, le ritardate, le inscopabili e le sfiorite. Canto per quelle fiduciose, pronte a lottare ed esultare a qualsiasi età”. Non male come biglietto da visita.
A precedere la sua esibizione Herself, la personale creazione di Gioele Valenti, songwriter di folk apocalittico a bassa fedeltà. Appartiene alla scuderia DeAmbula Records, label indipendente che può annoverare importanti artisti come Ulan Bator e Pineda (Umberto Giardini).
Ma la star è lei, Francesca Messina che, dopo aver lavorato nel campo dello showbiz (Lady Violet) e del teatro (Biennale di Venezia 2004 ) esordisce con il suo progetto da solista in italiano che debutterà l’11 marzo 2013 con A Buzz Supreme. Le sue canzoni sono giochi di specchi in cui ritrovarsi, tra scelte obbligate e tentativi di evasione; tra ricerca del sublime e linguaggio mainstream dove chi ascolta può ricordare se stesso; in quelle relazioni ansiose, fatte di evidenti e tacite contraddizioni, dalle quali nessuno può scappare. Il disco è stato registrato presso gli studi di Niccolò Gallio, con la partecipazione di Massimiliano Lo Sardo al basso e al synth e masterizzato da Andrea Suriani presso gli studi Alpha Depth di Bologna. Francesca Messina anima il progetto con la sua voce, suonando la kalimba, la chitarra acustica, la stratocaster, il synth e tutte le ritmiche presenti nell’album.
A concludere la serata Myshell dj. www.gluefirenze.com

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento