Home » Arte » La notte che i tedeschi fecero saltare i ponti di Firenze

La notte che i tedeschi fecero saltare i ponti di Firenze

firenzeguerraSettant’anni fa tutti i ponti di Firenze, ad eccezione di Ponte Vecchio, vennero fatti saltare. Era il 3 agosto del 1944 e l’avanzata alleata procedeva così spedita che i nazisti, in ritirata, giocarono questa carta per cercare di fermarli. Uno sfregio crudele alla culla del Rinascimento che salvò Ponte Vecchio ma non Ponte Santa Trinita. Quest’ultimo, costruito su disegno di Michelangelo, sembrò quasi volesse opporsi al sacrilegio dei tedeschi: solo al terzo tentativo si riuscì a farlo saltare. A 70 anni da quella terribile notte, lunedì 4 agosto 2014 nel Piazzale della Meridiana del Giardino di Boboli (inizio ore 21. ingresso libero da Piazza Pitti, Cortile dell’Ammannati) si terrà “La notte della memoria. A settant’anni dalla distruzione dei ponti di Firenze”.
L’iniziativa a cura della Direzione del Giardino di Boboli e di Arca Azzurra Teatro ricostruisce quei momenti attraverso proiezioni di immagini e letture di documenti storici in gran parte inediti tratti da diversi archivi e momenti teatrali dello spettacolo “Agosto ’44 La Notte dei Ponti “ scritto da Ugo Chiti e Massimo Salvianti e a cura di Arca Azzurra Teatro.
“‘La Notte della Memoria’ – ha detto il Soprintendente per il Polo Museale Fiorentino, Cristina Acidini – non può che avere luogo a Pitti e Boboli, che offrirono rifugio in quei terribili momenti al popolo fiorentino ferito dalle distruzioni”.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento