Home » Arte » La moda è un gioco da ragazzi, si apprende al Museo Gucci

La moda è un gioco da ragazzi, si apprende al Museo Gucci

creakids 2Non i soliti laboratori per i bambini al museo. Qui la moda è un gioco da ragazzi. Lo splendido museo Gucci pensa davvero a tutti e per i più piccoli ha ideato alcuni percorsi, da novembre a giugno, nella sede di piazza della Signoria a Firenze. I percorsi possono essere condivisi dai bambini, dalle loro famiglie e dagli studenti di moda, arte e storia. Tutto logicamente si svolge nel segno della doppia G.
CreaKids, i laboratori per i più piccoli organizzati da Gucci Museo, il polo culturale di Firenze dedicato all’archivio Gucci e all’arte contemporanea, sono già alla seconda edizione.
“Tipi alla moda!” è un percorso nella storia del costume prima attraverso i  ritratti e le opere più note dal Settecento al XX secolo, poi nel segno della storia di Gucci fin dal suo esordio. Dopo uno studio teorico, i bambini realizzeranno una valigia in cartoncino che potranno personalizzare con le loro decorazioni. “Sostantivo femminile”, pensato per gli alunni delle scuole secondarie inferiori e superiori, delle Accademie e degli istituti superiori di design, propone un’indagine sull’immagine della donna vista attraverso l’arte contemporanea grazie alle opere di artisti e soprattutto artiste: dagli autoritratti di Frida Kahlo alle performance dell’esule cubana Ana Mendieta e di Vanessa Beecroft, dai travestimenti della fotografa Cindy Sherman ai manifesti di Barbara Kruger. Infine due percorsi “La città laboratorio”, un itinerario a piedi alla scoperta di palazzi, strade e chiese di Firenze e “Florario”, un viaggio nelle leggende e nei simboli di fiori e piante con tanto di laboratorio manuale dedicato alla creazione di fantasiosi e colorati foulard ispirati ai modelli Flora conservati nel Museo Gucci. Un’esperienza da non perdere. Per grandi e piccini. Per informazioni: www.guccimuseo.com/creakids.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento