Home » Enogastronomia » Irene, il bistrò toscano al femminile che non ama il brunch e preferisce il pranzo delle nonne

Irene, il bistrò toscano al femminile che non ama il brunch e preferisce il pranzo delle nonne

_J5A8167_GiovanniCosmai FulvioPierangelini PaulFeakesIrene è il nuovo bistrò toscano tutto al femminile a Firenze, in Piazza della Repubblica 7. Il locale all’ombra dell’hotel Savoy porta la firma di Fulvio Pierangelini e propone un percorso del gusto all’insegna della personalità dello chef e delle scelte coraggiose. Niente brunch ma un autentico ritorno al pranzo della domenica, così come facevano le nonne, tanto per dirne una. Il menù è ispirato ai classici della tradizione toscana ma ha un occhio di riguardo per le donne e quindi è all’insegna della leggerezza.
Il nome rende omaggio alla moglie di Lord Charles Forte, madre di Sir Rocco Forte e Olga Polizzi. Donna elegante, ottima cucoca e perfetta padrona di casa: la donna ideale e il luogo dove sentirsi a casa.
Ogni elemento infatti mette subito a suo agio: i piatti, il menu, la carta dei vini, l’arredo scelto e curato nei minimi dettagli da Olga Polizzi, Design Director della Rocco Forte Hotels. Un’atmosfera retrò che invita a fermarsi per mangiare qualcosa o semplicemente per sorseggiare un drink al bar. La direzione artistica del bistrò è affidata alla magia interpretativa di Felice Limosani che propone il mood del locale attraverso i suoi video.
“Il bistrò è una celebrazione della donna – come ci racconta lo chef Fulvio Pierangelini, protagonista al maschile del progetto e firma dei piatti del menu di Irene – e delle tante sfaccettature dell’universo femminile”. Incarna i tratti di una personalità carismatica “un po’ insolente, libera, contemporanea, intrigante, sfrontata, maliziosa, irreverente”. “La cucina è una storia di donne”, continua lo chef “noi uomini ci siamo appropriati di questo luogo intimo e seppure abbiamo avuto successo siamo ancora degli intrusi. Sono le donne che detengono il gesto, la bellezza del gesto”.
In menu la tradizione di famiglia: “Stracciatella al limone e parmigiano”, “Tagliolini con fave e formaggio fresco delle pecore di Tillo”, “Crudo di pesce del Tirreno e piccole verdure” sono solo alcune delle prelibatezze di Irene. La domenica, come nelle migliori tradizioni, si va a “Pranzo dalla nonna”. Pollo con patate al forno profumate al rosmarino, verdure di stagione, zabaione e molto altro ancora.
A fare gli onori di casa, Paul Feakes. In cucina, le mani di Fulvio Pierangelini sono quelle di Giovanni Cosmai, giovane head chef. Un trio delle meraviglie.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento