In city golf, e perfino la Biblioteca Nazionale va in buca

3

gherardiniA tutto swing. Questa volta però non si tratta di ballo ma di golf. Dopo il successo della passata edizione, a Firenze è tempo di “In city golf”. La novità è che il format a 18 buche che vede invadere il centro fiorentino, ha scelto dei luoghi ancora più suggestivi e originali quest’anno tra cui il teatro della Pergola e la Biblioteca nazionale. Il golf quindi invade letteralmente i luoghi deputati alla cultura per un abbinamento di sicuro originale.
La sfida va in campo, pardon in piazza, il 5 ottobre sullo stile della Ryder cup: 72 giocatori al via che si contenderanno 18 premi lungo un percorso inedito di 18 buche, tra swing mozzafiato e putt della massima precisione.
L’anno scorso il colpo d’occhio più bello lo regalò la campionessa triestina Giulia Sergas che riuscì a ‘lanciare’ in buca palline bianche dai 77 metri della Torre di Arnolfo di Palazzo Vecchio.
Tra le tappe il primo piano della Biblioteca Nazionale Centrale (un patrimonio librario di 6 milioni di volumi a stampa), la terrazza di Villa Bardini, il Giardino di Boboli e il Teatro della Pergola, dove i giocatori, come attori di uno spettacolo mai visto prima, dal palco saranno impegnati in uno swing che dovrà oltrepassare la platea. Ma il golf farà tappa anche da Nannini, all’Hard Rock Cafè e perfino da Gherardini. Il paddock sarà invece il ‘green’ della Società Canottieri Firenze.
Ultima nota: a fare da guide gli studenti dell’Istituto Alberghiero Buontalenti di Firenze e I Ragazzi di Sipario.