Home » Musica » Il pianista che sa unire Bach alla musica elettronica

Il pianista che sa unire Bach alla musica elettronica

LocandinaTristano.jpgSa unire classica ed elettronica, studi di conservatorio e voglia di sperimentazione. Non è frequente incontrare tante doti nello stesso musicista: Francesco Tristano le possiede e soprattutto padroneggia con grande virtuosismo nei suoi recital pianifistici. Un assaggio delle sue capacità lo offrirà allo Spazio Alfieri, a Firenze, giovedì 24 aprile 2014 a partire dalle ore 22. Non poteva esserci palco più indicato di quello in via dell’Ulivo 6 per ospitare il talentuoso pianista Francesco Tristano (Infinè / Deutsche Grammophon).
L’Alfieri da quando ha riaperto sta offrendo una programmazione sempre originale e di qualità che privilegia un po’ tutte le arti. L’evento di giovedì 24 aprile è organizzato da Lattex Plus.
Tristano, al secondo live a Firenze, darà prova della sua capacità di soddisfare gli appassionati di Bach come i clubber più incalliti con un repertorio che spazia davvero da un genere all’altro. Ad aprire la serata Alessandro Gigli con il live strumentale “Clear-Round flutes looping Performance”, poi salirà sul palco Tristano.
L’’after show, per chi voglia tirare fino a tardi, sarà al Tabasco Club di Piazza Santa Cecilia, protagonisti Tommaso Meletti in arte Iommi dal Link di Bologna e il fiorentino Biga.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la “sua” Firenze.

Inserisci un commento