Home » Arte » Il Museo Gucci celebra i 60 anni del mocassino con una mostra

Il Museo Gucci celebra i 60 anni del mocassino con una mostra

gucciHa fatto la storia della moda e pure del cinema il mocassino con il loafer, il morsetto che è il simbolo stesso della doppia GG più glamour del mondo. Al Museo Gucci in piazza Signoria, è in corso una mostra sul 60° anniversario della scarpa creata nel 1953, da Aldo Gucci, il figlio del fondatore Guccio. Fu la prima calzatura a essere proposta dall’azienda fiorentina e immediatamente ebbe successo. Scarpa di culto già negli anni Cinquanta e Sessanta, nel 1985 il mocassino ha avuto l’onore di finire nella collezione permanente del Metropolitan Museum of Art.
Per raccontare i 60 anni della celebre calzatura e narrare per immagini la sua evoluzione sono stati tirati fuori dagli archivi di Gucci dei pezzi unici. Ecco quindi i morsetti in tutte le declinazioni: vitello, camoscio, vernice, pitone, struzzo, coccodrillo, satin, canvas. Non mancano le varianti, accanto ad altri classici simboli della maison, come il nastro a strisce, il bambù e le doppie G.
Una carrellata fotografica degli attori di Hollywood ce li propone nelle varianti anche ibride: come la foto della Loren che calza la versione con il tacco. Non mancano delle memorabilia appartenute ad alcuni dei divi più amati degli ultimi anni: dalle scarpe indossate da Madonna agli Mtv Video Music Awards a quelli di Brad Pitt nel film “Fight Club” del 1999.
“Il mocassino con morsetto ha vissuto molte vite dalla sua creazione 60 anni fa, guadagnandosi un posto importante come elemento chiave sia del guardaroba maschile che di quello femminile. Il motivo col doppio anello e la barra ripreso dai finimenti equestri è una fonte infinita di ispirazione, diventata un’icona che lega la storia unica di Gucci con la sua attitudine moderna, spiega Frida Giannini, direttore creativo di Gucci: per l’occasione ha creato una nuova collezione che si intitola, appunto, “1953”. La Giannini mescola nei modelli rivisti e corretti per il 60° colori inediti e materiali di ogni tipo. La costante è sempre il morsetto in metallo.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento