Home » Letteratura » Il cappello presidenziale portafortuna nel libro di Antoine Laurain

Il cappello presidenziale portafortuna nel libro di Antoine Laurain

cappelloIl suo “Undicesimo fuma” mi era piaciuto molto. Stile brillante, trama ironica per l’esordio italiano con Vallecchi editore (2011) di Antoine Laurain. Davvero un bel modo di affacciarsi al mercato tricolore. Mercoledì 27 febbraio ore 18 (Institut français Firenze) il giornalista e scrittore torna in città e presenta ora il suo quarto romanzo: “Il cappello di Mitterand”, nella traduzione fresca di stampa delle edizioni Atmosphere (Ed. originale Le Chapeau de Mitterrand, Flammarion 2012). L’occasione della presentazione è data dalla quarta edizione del Festival della narrativa francese che vede parte attiva l’istituto in piazza Ognissanti, a Firenze.
Il nuovo libro parte da una storia plausibile. il fortuito incontro di un contabile con François Mitterrand in un pub. Finito il suo pasto, il presidente dimentica il cappello, il protagonista decide di assumerne la proprietà come un talismano per realizzare i suoi desideri. Da qui si snoda la storia, con tanti personaggi divertenti e surreali. Una moderna favola per sorridere delle nostre fissazioni e credenze. A presentarlo il giornalista Gabriele Ametrano.
Il prossimo incontro sarà il 6 marzo ore 18 (Institut français Firenze) con Mathieu Lindon, che presenta “Cosa vuol dire amare” (Ed. originale “Ce qu’aimer veut dire est” edito da P.O.L 2011 e vincitore del prestigioso Prix Médicis) tradotto ora per Barbès da Isabella Mattazzi. A introdurlo Fulvio Paloscia (Repubblica Firenze).
Per informazioni: tel. 055.27 18 820, firenze@institutfrancais.it, www.institutfrancais-firenze.it, www.facebook.com/festival.narrativa.francese.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento