Home » Primo Piano » Icaro, reloaded: uno spettacolo contro l’ictus cerebrale

Icaro, reloaded: uno spettacolo contro l’ictus cerebrale

IcaroReloadedLa battaglia contro l’Ictus si combatte pure a teatro. Il 29 ottobre 2013, in occasione della 9° giornata mondiale contro l’ictus celebrale, nel Saloncino del Teatro della Pergola di Firenze sarà presentato “Icaro, Reloaded”. E’ un evento teatrale ideato e condotto da Antonietta Mollica, di professione economista e colpita essa stessa da ictus. Realizzato con Teatro Danza, coprodotto da Motus, racconta la storia della protagonista, dall’ictus alla rinnovata indipendenza. Antonietta, Icaro dei giorni nostri, dalla caduta rappresentata dalla malattia, sa spiccare di nuovo il volo.
L’iniziativa è stata realizzata da Mollica con l’Associazione A.L.I.Ce Firenze (Associazione Lotta Ictus Celebrale) con il patrocinio del Comune di Firenze e con l’appoggio di Banca Monte dei Paschi di Siena. E’ stata la vicesindaco Stefania Saccardi a mettere in contatto Antonietta Mollica ideatrice e interprete dell’evento con Alessandro Viviani presidente dell’associazione A.L.I.Ce. Uno spettacolo che accende le luci su una malattia molto più diffusa di quanto si pensi (una persona su sei nel mondo avrà un ictus e ogni sei secondi c’è un decesso per questa patologia) e che, comunque, può essere prevenuta e curata.
L’evento è in programma martedì 29 ottobre 2013 alle 21 presso il Saloncino del Teatro della Pergola. Per prenotazioni e biglietteria contattare 333/6259832 oppure il circuito Box Office o direttamente a teatro.
A.L.I.Ce. Toscana Sezione di Firenze onlus ha sede in Via dei Malcontenti, presso la struttura di Montedomini (tel. 055 2339428 – 333 6259832– alice.firenzeictus@gmail.com) e offre informazioni e assistenza. Le socie si aiutano a raccogliere fondi anche con piccoli lavori a maglia che vengono poi venduti in occasione di fiere e manifestazioni, L’invito è a sostenerle e a comprare uno dei loro splendidi lavori.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento