Home » Arte » I vent’anni di Artigianato e Palazzo a Firenze

I vent’anni di Artigianato e Palazzo a Firenze

Artigianato e PalazzoVent’anni di Artigianato e Palazzo. Da giovedì 15 a domenica 18 maggio 2014 “arti” e  “mestieri” si incontrano nel giardino di Palazzo Corsini. Artigiani di lungo corso e chiara fama saranno fianco al fianco con le nuove leve grazie alla presenza dei vincitori del contest Blog&Crafts: in mostra artigiani under 35 e blogger esperti di artigianato, lifestyle, turismo e moda per raccontare le loro storie. Un approccio inedito per raccontare i venti anni di attività della mostra. I  numeri parlano di oltre 700 artigiani provenienti da tutta Italia e anche dall’estero in rappresentanza di circa 140 antichi mestieri, ammirati da ben 140.000 visitatori nell’arco di quattro lustri. La mostra (orario 10-21) permette di visitare il seicentesco Giardino Corsini realizzato da Gherardi Silvani, dove tra i viali, le limonaie e la Loggia del Buontalenti si possono ammirare e acquistare oggetti d’artigianato. Tra le novità di quest’anno, spiegano gli organizzatori “le porcellane da tavola, lampade e abat-jour di Maison De Maistre, ispirate alle antiche tappezzerie, stoffe e decorazioni della villa di famiglia in Piemonte; le cravatte di alta manifattura dal taglio sartoriale di D’Ago Cravatte; le scarpe cucite a mano utilizzate dai costumisti cinematografici di tutto il mondo della Calzoleria Petrocchi; gli abiti e accessori in lana e seta realizzati con la tecnica dell’infeltrimento dall’Atelier della Lana; le penne stilografiche in corno tornite a mano da Vanni Chiesi; le decorazioni di carta intagliata di Lucia di Raimondo”. infine ogni giorno l’appuntamento quotidiano con le“Ricette di famiglia” nel Giardinetto delle Rose a cura della giornalista gastronomica Anna Maria Tossani. Un autore di un libro di cucina incontra un grande chef: Fabrizia Lanza (La mia Sicilia in cucina, Mondadori) insieme a Marco Stabile, Antonella Martinelli (Essenze di Felicità, Rai-Eri) con Alessandro Circiello, Livia Aymonino (Sapori Di Versi, Ugo Mursia Editore) insieme a Cristiano Tomei, Stefania Barzini (Fornelli d’Italia, Mondadori) con Beatrice Segoni. Perfino il souvenir è a tema: ogni giorno i visitatori riceveranno un oggetto tra la Pelletteria Bruscoli, l’orafo Paolo Penko, il ceramista Romano Pampaloni e l’Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella (fino ad esaurimento scorte).

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento