Home » Primo Piano » I tacchi non mi fanno più paura, è tutta questione di testa

I tacchi non mi fanno più paura, è tutta questione di testa

tacchi 199I tacchi non mi fanno più paura. Da oggi la prospettiva di quattro passi con decolleté vertiginose non mi preoccupa più. Merito dello Stiletto Westin Tour con Veronica Benini al Westin Excelsior di Firenze. Alla presentazione eravamo una quarantina di ragazze e donne, tutte tacco dodici munite: tutte pronte a partecipare al workshop dell’autrice di Tacco dodici (Sperling&Kupfer), dove siamo venute a conoscenza di dritte e segreti della camminata sui tacchi.
Dopo un po’ di coccole con lo staff di Massimiliano Dimaiuta, via Benedetto Marcello 43a, Firenze (www.dimaiutamassimiliano.com), si è entrati nel vivo della lezione.
Veronica Benini ci ha parlato delle scarpe killer (decollete e ballerine), delle conseguenze a cui vanno incontro i nostri poveri piedi dopo intere giornate su 10 centimetri di tacco per poi offrirci indicazioni pratiche ed esercizi da eseguire per cercare di mitigare gli effetti negativi della camminata sugli stiletto. E’ seguita dimostrazione pratica, con tanto di sfilata.
E’ stato bello veder sfatare da Veronica tanti luoghi comuni sulle scarpe col tacco e trovare conferma su quanto avevo sempre pensato: le ballerine non sono solo terribili a livello estetico ma fanno proprio male ai piedi. Il metodo migliore per camminare senza sforzo resta quello di stare a testa alta, ben in linea con i fianchi e i tacchi, addominali ben tirati quindi, spalle basse. Cercare di camminare con naturalezza, portando prima piede e gamba avanti, poi tutto il resto e poggiando sempre prima il tacco, poi la punta. E’ più facile a farsi (dopo un po’ di esercizio) che a dirsi. Comunque con un po’ di impegno si possono fare davvero miracoli. Nel complesso è stato un bel pomeriggio. Da ricordare tutte le volte che entrerò in crisi alla prospettiva di mettere di nuovo i tacchi.
L’unica cosa che non mi è andata giù è che, sulla base del calcolo del coefficiente di difficoltà della camminata sui tacchi, quelle che come me portano un numero di scarpe alto in teoria fanno meno sforzo sui tacchi. Ma secondo Veronica, che ha messo a punto la formula per calcolare questo coefficiente, è giusto così perché chi ha un piede piccolo subisce un’inclinazione maggiore e quindi soffre di più sui tacchi. Se lo dice miss Stiletto… Per maggiori informazioni: stilettoacademy.com

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento