Home » Musica » I Ragazzi Scimmia alla Flog con la prima di “Via Mariti”

I Ragazzi Scimmia alla Flog con la prima di “Via Mariti”

Ragazzi Scimmia_a ds Gabriele MoriChi ha avuto modo di ascoltarli dal vivo lo sa: i Ragazzi Scimmia spaccano. Questo quintetto fiorentino alla cui guida c’è Gabriele Mori: cantante e pianista, si distingue per il sapiente mix di sonorità che spazia da jazz-swing a balkan music, da una spruzzata di rock psichedelico, a un po’ di blues e dance che sta sempre bene.
I Ragazzi Scimmia saranno venerdì 18 gennaio 2013 all’Auditorium Flog (via Michele Mercati n.25, Firenze, ingresso: 5 euro), per presentare in prima nazionale il disco d’esordio, “Via Mariti”. Un disco che si sono totalmente prodotti: della serie chi fa da se fa per cinque!
Preparatevi a un live pirotecnico come è nello stile dei Ragazzi Scimmia. L’esperienza maturata nei tanti concerti dal vivo in club e locali (calendario completo su http://ragazziscimmia.wix.com/home), permette a questa band di sapere alternare momenti scanzonati ad altri decisamente più seri e impegnati. Il tutto sempre con l’abituale leggerezza. A caratterizzare il suono i tamburi di Andrea Brogi, il sassofono di Damiano Niccolini, il basso di Piero Spitilli, le chitarre di Guido Masi e il piano e la voce del frontman Gabriele Mori.
La serata sarà aperta alle ore 22.30 dalla Baro Drom Orkestar: tra musica klezmer, hora rumene, melodie del bacino mediterraneo, musica dei balcani e melodie gipsy. A chiusura il dj set con Lorenzo dj (Martinicca Boison).
Il ricavato del concerto, a cura di Calafascopa, organizzazione di eventi senza scopo di lucro, sarà interamente devoluto in beneficenza ad A.V.G.E. (Associazione Volontari Gruppo Elba), gruppo di volontari che si dedica all’assistenza di giovani diversamente abili (http://www.gruppoelba.net/home.htm).
Nell’attesa del concerto alla Flog dei Ragazzi Scimmia, un assaggio del video del singolo Lulù http://www.youtube.com/watch?v=uM5P1jhk680

 

 

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento