Home » Arte » Dadamaino, la farmacista prestata all’arte

Dadamaino, la farmacista prestata all’arte

In mostra ci sono gli oggetti ottico-dinamici e le ricerche sulla percezione e sul colore che l’hanno resa famosa. La mostra dedicata a Dadamaino è in corso fino al 23 luglio alla Galleria Tornabuoni Arte; arriva a Firenze dopo il grande successo ottenuto a Parigi. La retrospettiva dedicata all’artista Dadamaino, esponente di punta dell’avanguardia spazialista, una laurea in farmacia e una passione per l’arte scoperta quando era già adulta, propone oltre 40 opere. Sono tra i pezzi più significativi, per ripercorrere la ricca e appassionante carriera dell’artista. Una personale ricerca attraverso i movimenti artistici nati in Europa, cominciata dalla fine degli anni ‘40 e proseguita alcuni decenni seguendo il solco tracciato da Fontana con il suo radicalismo spazialista.
Il catalogo, pubblicato da Forma edizioni propone un’introduzione di Bernard Blistène, Direttore del Dipartimento Culturale Centre Pompidou a Parigi alla mostra. Lo studioso contribuisce a delineare il profilo e il pensiero dell’artista. Flaminio Gualdoni, curatore della mostra, Direttore dell’Archivio Dadamaino a Milano offre invece un approfondimento sulle principali fasi storiche e artistiche connesse con la vita di Dadamaino.
La mostra rimarrà aperta fino al 23 luglio 2014 dal lunedì al venerdì (9-13/15.30 -19.30); sabato (11-19).
Per informazioni: www.tornabuoniarte.it

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la “sua” Firenze.

Inserisci un commento