Home » Enogastronomia » Fratelli Cuore, il ristorante fast good H24 della stazione di S. Maria Novella

Fratelli Cuore, il ristorante fast good H24 della stazione di S. Maria Novella

Fratelli cuore è un locale speciale sotto tutti i punti di vista. Si trova dentro la stazione ferroviaria di Santa Maria Novella, a Firenze. Lì dove una volta c’era la biglietteria internazionale, ora c’è il primo bar e ristorante aperto H24 in città. Il suo motto è: dal fast food al fast good. Basic il menu: pasta, pizza, griglia e caffè; sono le materie prime a fare la differenza, di alta qualità.
Il menu è firmato dall’Executive Chef Daniele Pescatore (Chef Da’ Pescatore, Piazza del Carmine). Si ispira a Napoli per la pizza (cinque le proposte, tutte a lievitazione naturale: margherita, calzone napoletano, gatò, costine e friarelli) e a Roma per i primi (pommarola, pesto, strascicata, amatriciana e carbonara). La carne alla griglia fa felice invece il pubblico toscano: hamburger, bistecca di pollo, costine di maiale e costolette di agnello. Infine i piatti “mamma cuore”, ovvero autentiche ricette della mamma tra cui: parmigiana, lasagne, ribollita e crema di cipolle. Infine, le insalate: dalla caprese alla cuore, dalla cesare alla greca.
La parte della pasticceria e dei lieviti è firmata dal maestro pasticcere pratese Luca Mannori; da provare la sua torta più famosa, “Setteveli”, ma non mancano i celebri macarons.
Dietro questo progetto c’è una famiglia, composta da 4 fratelli: Giuseppe, Pasquale, Rocco e Roberto Caprarella (Europa Service S.R.L.). La società gestisce cinque ristoranti, tre a due passi dalla Stazione di Firenze, in particolare in Via Alamanni: Quattro Amici, Il Portale, L’Oste; due nel centro storico: Grotta Guelfa, in Via Pellicceria e Da’ Pescatore, in Piazza del Carmine.
Il sesto locale dei fratelli Caprarella, Fratelli Cuore è di ben 450 mq, 150 sedute tra spazio interno e esterno. Oltre 60 le persone assunte tra sala e cucina.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento