Home » Arte » Firenze per Mario Mariotti, film autoprodotto per ricordare l’artista

Firenze per Mario Mariotti, film autoprodotto per ricordare l’artista

mariotti2“Giocava con la bellezza della vita senza chiederle nulla in cambio”. La definizione di Mario Mariotti, artista fiorentino scomparso 17 anni fa, è di suo figlio Andrea. Difficile descrivere in poche parole la genialità di un uomo che scelse di rimanere a Firenze e in particolar modo in Oltrarno, a bottega, per portare avanti il suo progetto artistico. Fu un precursore: sua l’idea della pittura sulle mani. Dal primo libro  Animani (Fatatrac, 1980) arrivò fino a vincere il premio del Festival della pubblicità di Cannes. Mariotti viene ricordato per la sua performance in occasione del referendum sul divorzio: proiettò un enorme NO sulla cupola di Santa Maria del Fiore. L’artista amava profondamente la sua città: fu il primo a illuminare la facciata della basilica di Santo Spirito.
Per non dimenticare Mariotti si sta lavorando a un film dal titolo La città conclusa, che sarà realizzato dal figlio Andrea, con il sostegno di Oma (l’Osservatorio dei Mestieri d’Arte dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze). E’ stata costituita l’Associazione Culturale Mario Mariotti: presidente.Alessandro Berti, vice presidente Andrea Mariotti (regista, musicista, compositore e molto altro ancora), consigliere Anna Angelica Ricci: l’obiettivo è portare avanti un crowd funding per la realizzazione del progetto. Insomma il film sarà realizzato grazie al contributo popolare, L’iniziativa è stata presentata al cinema Odeon di Firenze, assieme ad un primo promo del film.
“Il nostro è un appello all’intera città – ha spiegato Andrea Mariotti – rivolto a tutti coloro che vorranno diventare parte attiva del film, finanziandolo e promuovendolo. La città conclusa servirà a raccontare il percorso artistico di mio padre, indissolubilmente legato a Firenze, in particolare straordinario artigiano dell’Oltrarno. Ente Cassa di Risparmio di Firenze ci ha già aiutati ad iniziare il progetto. Con l’aiuto e la collaborazione di Francesca Mariotti e del Centro di Arte Contemporanea Luigi Pecci stiamo già lavorando per costruire questo complicato e suggestivo progetto per lasciare Mario Mariotti nelle prossime pagine della nostra storia. I contribuenti diventeranno produttori del film insieme agli enti finanziatori e agli sponsor. Gli aggiornamenti verranno pubblicati sulla pagina Fb su Mario”.
“Nel film – ha detto ancora il regista – racconterò la sua vita dall’inizio, partendo da Montespertoli, dov’è nato nel 1936, fino ai giorni della malattia e della sua morte nel 1997. Sarà un documento di informazione e un catalogo completo da lasciare alla storia, ma soprattutto un film cinematografico, narrativo e sentimentale che parlerà di Firenze vista con gli occhi di Mario Mariotti Artista Fiorentino dei giorni nostri, attraverso una personale rilettura e interpretazione”.
Per chi vuole contribuire al progetto: bonifico (minimo) 50 euro per diventare fotofinanziatori ed essere messi nei titoli di coda del film. L’Associazione culturale Mario Mariotti ha sede in Via dei Servi 13 a Firenze (telefono. 055/211007 email: mariottistudio@icloud.com C.F. 06360700485. Banca Prossima, CR Firenze; c/c n. 5000/1000/74773), IBAN: IT58M0335901600100000074773. Pagina Facebook: Associazione culturale Mario Mariotti. Guarda il video dell’associazione.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento