Home » Teatro » Firenze, Modugno, ironia e sarcasmo al teatro della Limonaia

Firenze, Modugno, ironia e sarcasmo al teatro della Limonaia

dimitri1Firenze incontra Metropolis, nel nuovo lavoro di Dimitri Milopulos che dopo quasi 30 anni racconta il suo rapporto con la culla del Rinascimento. Il Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino entra nel suo 26° anno di attività anche con questo spettacolo.
Si parte la settimana prossima con il debutto della nuova versione di G.G. Tanti falsi e qualche verità sulla vita privata di Girolamo Gigli, sanese (10,16,17 febbraio), primo testo teatrale scritto da Barbara Nativi (1988). Spettacolo che propone un universo maschile e femminile degno di un film di Almodovar. Questa nuova esilarante versione, diretta e disegnata da Dimitri Milopulos, vedrà protagonisti Roberto Gioffrè, Alessio Nieddu, Ludovica Fazio, Sonia Remorini e Federico Valeri.
Spazia dalla narrazione al musical, dal dramma al cabaret, da Cenerentola a Cechov, invece, Tres (23 febbraio) di Blanca Teatro di Virginia Martini con Riccardo Naldini, Antonio Bertusi, Antonio Branchi. Il mondo degli adulti, falsi e ipocriti, raccontato con il linguaggio diretto e senza peli sulla lingua dei bambini.
A marzo (2,3 marzo) vedrà finalmente la luce lo spettacolo ideato e creato in questi ultimi mesi da Dimitri Milopulos, Firenze. Con amore e tantissimo coraggio, Milopulos cercherà di osservare con occhi nuovi Firenze, dedicandole questo spettacolo – performance in cui la città d’arte per eccellenza rivive in tutto il suo (non) splendore.
La merda, una produzione di Cristian Ceresoli e Marta Ceresoli dedicata ai 150 anni dell’’Unità d’Italia, arriva alla Limonaia (9,10 marzo), dopo lo sbalorditivo successo a livello internazionale. Silvia Gallerano offre la sua maschera, non solo fisica ma perfino vocale, per interpretare una “giovane” donna “brutta” che tenta con ostinazione, resistenza e coraggio, di aprirsi un varco nella società delle cosce e delle libertà.
Musica e teatro nello spettacolo dedicato a Domenico Modugno, Io provo a volare di e con Gianfranco Berardi (24 marzo). In scena un attore, un cantante/attore e tre musicisti rievocano attraverso suoni, canzoni, monologhi ed immagini un viaggio che celebra l’’artista, i suoi personaggi, i suoi maestri.
Arriva alla sua versione definitiva (7,13,14 aprile) la produzione della Limonaia messa in scena in prima assoluta durante la scorsa stagione. Piccole storie crudeli di Gaspare Baglio, disegnata e diretta da Dimitri Milopulos, in questa ultima versione vede protagonisti Daniela D’’Argenio e lo stesso Milopulos. Le Piccole storie crudeli sono storie della porta accanto. Storie di vita quotidiana che, filtrate attraverso un racconto caustico e cinico, narrano del nostro mondo, dall’’interno.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento