Home » Primo Piano » Edizione Divina per Un nuovo tra l’usato a Palazzo Magnani Feroni

Edizione Divina per Un nuovo tra l’usato a Palazzo Magnani Feroni

Divina è l’edizione di “Un nuovo tra l’usato” che celebra i tre anni di successi dell’evento #nonsolovintage. L’appuntamento è per il 21 e il 22 novembre e porta la firma di Mid Firenze, l’associazione composta da quattro mamme scatenate: Dani Giorgi, Federica Attorre, Daniela Meza e Valérie Pizzera. Saranno i saloni affrescati di Palazzo Magnani Feroni in via dei Serragli 8, nel cuore dell’Oltrarno, ad ospitare gli stand di abbigliamento vintage, bijoux fatti a mano, vestiti per bambini, modernariato, oggetti da collezione, creazioni artigianali. Le volte affrescate che hanno ospitato lo shooting di Divina realizzato per la promozione dell’evento: fotografo Filippo Lorenzetti, set stylist Francesco Bucciarelli, make up Carolina Bart.
Si ripete l’accoppiata vintage-beneficenza. Mid sostiene con ‘Divina’ il progetto dell’Associazione Borgo Allegri (per info 331 9457903), per la realizzazione di uno spazio di ca. 600 mq di prato in un luogo prima usato come deposito di auto dismesse e di una ludoteca all’interno del giardino a due passi da piazza Santa Croce.
Ci saranno musica, un set fotografico e un servizio di catering, affidato a Caffè Notte per vivere un’esperienza a 360 gradi nella duegiorni di Divina.
Lo spazio musicale è affidato a Ghiaccioli e Branzini (sabato dall’aperitivo), a Freddie Villarosa (sabato a pranzo e domenica all’aperitivo), e a Pise djclub (sabato pomeriggio e domenica a pranzo).
Il set fotografico sarà a disposizione di tutti i visitatori e affidato a Fabio Rosseti, ormai fotografo doc del Mid. A trasformare chiunque in una star penseranno Valeria Borrello e Carolina Bart.
Gli orari: sabato 21 novembre 10.30-23 e domenica 22 novembre 10.30-21 a Palazzo Magnani Feroni in via dei Serragli, 8. L’ingresso è libero. Info: midfirenze@gmail.com.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento