Home » Enogastronomia » Desinare, da Riccardo Barthel cucinare diventa arte

Desinare, da Riccardo Barthel cucinare diventa arte

imageIl cocktail d’inaugurazione di Desinare, la scuola di cucina shop e spazio eventi da Riccardo Barthel ha dato il via al ricco calendario di appuntamenti, fuori e dentro Taste, a Firenze. Tutta la squadra di Desinare con in testa Luisanna Messeri, Arturo Dori, Alberto Navari, Chiara Govoni, Leonardo Romanelli, Irene Berni e Sofie Delauw era schierata ai fornelli, giovedì sera per la presentazione di un progetto ambizioso e affascinante. Una grande festa tra amici nel nome della buona cucina per salutare il corpo docente che salirà in cattedra per svelare i segreti della pasta all’uovo e del perfetto abbinamento cibo-vino, come fotografare una pietanza e disporre il servizio in tavola e perfino come preparare un menu toscano a cominciare dalla spesa. Erano davvero in tanti a curiosare negli ambienti dello storico negozio fiorentino in via dei Serragli in parte ora destinati anche a lezioni e show cooking. La prima impressione, che poi è quella che conta, è che si faccia veramente sul serio. Pietanze e vini proposti erano eccellenti, splendida la cornice e soprattutto alto il livello dei professori. Una bella sfida per Francesco Barthel, Alessandro Grassi e Claudio Mariottini che hanno avuto l’idea di un progetto così originale. Vale la pena dare un occhio al programma dei corsi sul sito www.desinare.it o fare un salto da Barthel. Magari sabato 8 marzo dalle 19 alle 21 in occasione dell’inaugurazione del corner knIndustrie con l’appuntamento dedicato allo Spirito del baccalà, un viaggio immaginario tra il Veneto e la Toscana, tra i cicchetti lagunari e gli aperitivi di Ernest Hemingway in collaborazione con distilleria Nardini e  Schooner. Ai fornelli lo chef Arturo Dori (evento gratuito) o domenica 9 alla quinta edizione di Ortobello, dal campo nostro solo il meglio (ore 9-16) nel cortile di Barthel.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento