Dalla metro alle mostre, Daze alla Galleria del Palazzo Coveri

147

01 Daze, Untitled, 2014,olio, spray su tela, 61x61cmDai vagoni dei treni alle gallerie d’arte americane ed europee. Chris Daze è uno degli esponenti di punta della Graffiti art a stelle e strisce. La Galleria del Palazzo Coveri di Firenze gli dedica una personale dal titolo “Daze recent works” che si inaugura giovedì 12 novembre alle 18.30.
Un percorso espositivo in 19 lavori a tecnica mista di varie dimensioni e 2 sculture per raccontare la parabola artistica di Daze, cominciata a metà degli anni Settanta a New York. Di giorno frequentava la Scuola Superiore di Arte e Design e la notte dipingeva nella metropolitana. E’ la prima collettiva, in occasione dello spettacolo “Beyond Words” al Mudd Club di New York nel 1981, a regalargli la fama. Si trova a lavorare al fianco di artisti del calibro di Keith Haring e Jean Michel Basquiat e proprio grazie alla collaborazione con quest’ultimo vede la sua prima opera.
Nel 1982 la sua prima mostra personale, al “Fashion Moda”, nel Bronx seguita da altre personali a Montecarlo, Hong Kong, Parigi, New York, Pechino, Chicago e Singapore. Suo il murale per il terminal dei Ferry Star a Hong Kong.
Le opere di Daze sono presenti nel Museo della Città di New York, nel Museo d’Arte Moderna e nel Brooklyn Museum, alla Federal Reserve in Washington D.C. e fra i suoi collezionisti troviamo Madonna ed Eric Clapton.
La mostra si inaugura giovedì 12 novembre alla Galleria del Palazzo-Coveri alle ore 18.30 e sarà aperta fino al 10 febbraio 2016, orario, da martedi a sabato 11/13-15:30 19. Ingresso libero.
Catalogo Bandecchi e Vivaldi.