Carmina Burana al Mandela Forum, quando vince la musica

151

carmina2I Carmina Burana al Mandela Forum di Firenze non sono un evento estemporaneo e neanche uno spot, se così vogliamo dire, per un Maggio musicale fiorentino mai così in cattive acque come adesso. Sono una sfida che è stata vinta in primis dall’organizzazione Prg (Massimo Gramigni e Claudio Bertini), dal maestro Zubin Mehta che è tornato ben volentieri al palazzetto per dirigere la sua orchestra e il suo coro in uno spettacolo tanto ambizioso quanto popolare (a cominciare dal prezzo dei biglietti). Dal Maggio musicale fiorentino che ha avuto il coraggio di mettersi in gioco e conferma così la solida collaborazione con la Fura dels Baus (regia di Carlus Padrissa).
Venerdì 8 febbraio saranno in 6mila ad assistere all’opera di Orff nell’allestimento del gruppo catalano. Sarà una vittoria per la musica classica che lascia il teatro e i suoi spazi deputati per un palazzetto. Sarà una vittoria della città che si appropria di uno spazio fino ad oggi conosciuto per sport, concerti rock, spettacoli e convention. Un concerto senza amplificazione: come avvenne nel concerto contro i tagli alla cultura nel novembre del 2001 (Nona di Beethoven), e per la serata benefica per i terremotati dell’Abruzzo, del 2009 (Mahler).
Le prospettive di nuove collaborazioni e di un ritorno della classica a una dimensione più umana in termini di prezzi, non farà bene solo all’istituzione lirico sinfonica, ma ad ognuno di noi. Perché la musica è vita.