Home » Musica » Campus live, i giovani talenti della musica dal vivo a La Ménagère

Campus live, i giovani talenti della musica dal vivo a La Ménagère

Campus live approda nel centro di Firenze. Il progetto promosso dal Comune di Firenze per la musica dal vivo offre un palco all’interno de La Ménagère a 34 nuovi talenti. Iniziativa che rende Firenze capofila della musica italiana dal vivo. Il programma “Campus Live” è partito il 10 dicembre al nuovo spazio fiorentino all’interno del locale di via De’ Ginori 4/10r (Firenze). Un luogo che sposa musica dal vivo, nuova gastronomia e ambienti relax, degno delle grandi capitali europee.
Il programma Campus Live si sviluppa con alcuni appuntamenti settimanali: il mercoledì le prove degli artisti aperte al pubblico con presentazione delle demo, il giovedì e il venerdì i concerti dei giovani talenti del Campus, il martedì il Campus Off, serate dedicate aperte a interpreti e autori non rientrati nel programma di formazione del Campus ma comunque meritevoli d’attenzione. Inoltre, a partire da gennaio, “serate big a sorpresa”: talenti nazionali, big che sostengono la proposta del Campus e il suo programma live, in visita a La Ménagère per condividere musica e parole.
Prosegue il progetto di formazione, produzione e condivisione del talento musicale unico in Europa, sotto la direzione artistica dello storico produttore e talent scout Claudio Fabi. Tra i partecipanti delle sessioni del Campus 2014/2015: Gianna Nannini, Francesco De Gregori, Daniele Silvestri, Max Gazzè, Niccolò Fabi, Raphael Gualazzi, PFM, Mara Maionchi, Bandabardò, Afterhours, Verdena, Paola Turci, Danilo Rea, Mauro Sabbione, Roberto Angelini, Alessandro Mannarino, Stadio, Rossana Casale, Giorgio Assumma.

Il programma del mese di dicembre – inizio concerti ore 21
Giovedì 17
Corrado Neri
Jampa capolongo
Riccardo Turchini
Venerdì 18
Ginevra Casprini
Corrado Nascimbeni
Irene Olivelli

Info e contatti: facebook.com/campusdellamusica – #Campuslive

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento