Home » Enogastronomia » Arrivano gli aperitivi galeotti, Sollicciano apre le porte del carcere

Arrivano gli aperitivi galeotti, Sollicciano apre le porte del carcere

A Firenze arrivano gli Aperitivi Galeotti. Forti del successo delle Cene Galeotte, da otto anni in programma al carcere di Volterra, Sollicciano apre le porte dell’istituto penitenziario per quattro serate. I detenuti saranno impegnati nella preparazione degli aperitivi per ottanta fortunati (l’evento è a numero chiuso, prenotazione obbligatoria).
I detenuti non saranno soli perché – a titolo gratuito – si sono prestati a sostenerli ed aiutarli chef del panorama fiorentino: Simone Cipriani del Ristorante Il Santo Graal (giovedì 23 aprile); Enrico Panero del Ristorante Da Vinci (giovedì 21 maggio); Nicola Schioppo dell’Osteria Cipolla Rossa (giovedì 4 giugno); Marco Stabile del Ristorante Ora d’Aria (giovedì 18 giugno). Ogni aperitivo comincerà alle 18.
L’iniziativa è stata fortemente voluta da Unicoop Firenze, che oltre a fornire le materie prime necessarie alla realizzazione dei piatti assume i detenuti – una decina circa a serata – retribuendoli regolarmente, e dalla direttrice della struttura penitenziaria Maria Grazia Giampiccolo. Le serate, oltre a un’irripetibile occasione formativa per i detenuti coinvolti, hanno una finalità benefica. Questa volta i 20 euro a persona saranno destinati ai lavori di restauro del Battistero di Firenze, per ribadire il legame tra Sollicciano e la città.
Ad accompagnare gli aperitivi i vini, messi a disposizione anche in questo caso in maniera totalmente gratuita, delle aziende Fattoria Montellori di Fucecchio, Villa Montepaldi di San Casciano, cooperativa sociale Placido Rizzotto-Libera Terra di San Giuseppe Jato e Cavit di Trento.
Gli Aperitivi galeotti sono realizzati con Pantagruel – Associazione per i diritti dei detenuti Onlus (www.asspantagruel.org), la collaborazione del Ministero della Giustizia e della direzione della Casa Circondariale N.C.P Sollicciano, il supporto della delegazione fiorentina della Fisar (che oltre alla selezione delle cantine affiancherà i detenuti nel servizio) e la supervisione artistica del giornalista Leonardo Romanelli.
Per prenotazioni: Agenzie Toscana Turismo, Argonauta viaggi (gruppo Robintour), tel. 055.2345040.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento