Home » Enogastronomia » Aperitivi biologici e orto trovano casa da Zap

Aperitivi biologici e orto trovano casa da Zap

Il nome è da fumetto, Zap, ma dietro l’acronimo si nasconde la Zona aromatica protetta al Palazzo Giovane a Firenze. Sì perché alla Casa della creatività, luogo d’incontro e progettualità per creativi e designer, arriva l’orto. E’ una delle novità che saranno presentate martedì 20 maggio 2014 da Zap in vicolo di Santa Maria Maggiore a Firenze. L’appuntamento, dalle ore 17, sarà a base di musica dal vivo con il gruppo “Last Minute Dirty Band”, gli aperitivi del ristorante Quinoa (con particolare attenzione a produzioni biologiche e alimenti privi di glutine), l’orto di Berta a cura della cooperativa di Legnaia e non mancheranno le installazioni green per i più piccoli.
Zap nasce per volontà del Comune di Firenze, da un progetto di Fondazione Sistema Toscana, Sicrea e Istituto Europeo di Design e conta sulla cooperazione e la partnership di Quinoa, Legnaia cooperativa agricola dal 1903, Informagiovani, Festival dei Popoli, Le Nozze di Figaro, Radio Fleur, Toc Toc.
Da Zap c’è spazio per la formazione e gli incontri, la ricerca e la sperimentazione creativa giovanile. Ma l’idea più singolare è di sicuro quella di riportare la coltivazione dell’orto nel chiostro di Santa Maria Maggiore. Per portare avanti questa esperienza ci si è rivolti a Legnaia, nata nel 1903, e la più antica cooperativa agricola toscana. E’ il vivaio più esteso della città e promuove un ricco calendario di attività formative e ricreative. L’idea di riportare l’orto nelle mura del convento ha fatto la differenza in sede di bando di gara lanciato dal Comune di Firenze per la gestione degli spazi di Palazzo Giovane.
Un mix vincente di creatività e laboriosità, di tradizione e innovazione, di digitale e manuale, di naturale e tecnologico per uno spazio che si conferma pur sempre frontiera e spazio prediletto per la sperimentazione. Un percorso, nel segno del Festival della Creatività, che prosegue.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento