Home » Musica » All’Obihall un tributo a Notre Dame nel nome del Meyer

All’Obihall un tributo a Notre Dame nel nome del Meyer

Notre Dame al Meyer_12 gennaio 2013Il gobbo di Notre Dame dalla parte dei bambini del Meyer. Già, la storia di Quasimodo andrà in scena sul palco dell’Obihall di Firenze (via Fabrizio De André) domenica 20 gennaio 2013, alle ore 20.45.
Il musical, “Notre Dame Tribute Show” è la nuova produzione di Theater Land Project e ha debuttato a dicembre al Teatro Dante di Campi Bisenzio.
L’evento organizzato dal Kiwanis club Firenze e soprattutto l’intero incasso serviranno per sostenere l’attività della Fondazione dell’Ospedale Pediatrico Meyer.
Lo spettacolo è un omaggio al romanzo di Victor Hugo, per la regia di Alessandro Palmieri e le coreografie di Antimo Verrengia. È il racconto della storia di Quasimodo, il campanaro gobbo della cattedrale di Notre-Dame, interpretato dallo stesso Palmieri, e del suo amore impossibile e tragico per Esmeralda, la bella gitana, interpretata da Maria Nicoletta Crispo. Un amore condannato dall’ingiustizia e dall’ipocrisia, con molti protagonisti in scena, da Febo, il bel capitano delle guardie del Re (Dario Bruschi), alla ricca Fiordaliso (Silvia Calcinai), al temibile Frollo, l’arcidiacono della Cattedrale (Matteo Gazzeri); Gringoire (Alessandro Salvini) funge da narratore e filo conduttore delle vicende, mentre Clopin (Filippo Innocenti) è il capo del clandestini e della Corte dei Miracoli, fratello adottivo di Esmeralda. In tutto trenta tra attori e ballerini sul palco.
Fondamentale l’apporto di Antimo Verrengia (una lunga esperienza con la Compagnia della Rancia, punto di riferimento in Italia, e nel musical di Broadway) per la messa in scena: il corpo di ballo dello show è formato da danzatori di eccellenza di diversa provenienza.
Alessandro Palmieri, regista e interprete di Quasimodo sognava dal 2001 quando ebbe modo di vedere per la prima volta Notre Dame, l’opera ‘popolare’ di poter un giorno curare una sua versione. Dopo un primo allestimento nel 2005, si è giunti alla versione definitiva che viene proposta all’Obihall per i bambini del Meyer, “al solo scopo di dare il nostro contributo ad un’istituzione e ad una struttura sanitaria conosciute in tutto il mondo. È per noi un’esperienza molto importante, e ringraziamo il Kiwanis Club Firenze per aver organizzato l’evento ed esserci a fianco nell’impresa” conclude.
Per informazioni theaterlandproject@gmail.com, infoline 338.1761535, 392.4768655.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la “sua” Firenze.

Inserisci un commento