Home » Cinema » Alla scoperta di un Medio Oriente pop, tra film e arte

Alla scoperta di un Medio Oriente pop, tra film e arte

middleeastnow2Io sono arrivata tardi e quindi mi sono persa la serata inaugurale della quarta edizione di Middle East Now. Tantissima gente in coda che, come me, è rimasta fuori dal cinema Odeon per la serata inaugurale con la proiezione in anteprima di “Zaytoun”. Un po’ di dispiacere ma anche tanta soddisfazione per il successo di un appuntamento che ormai ha preso il largo ed è un evento culturale per tutta la città. Voi non fate come me e non lasciatevi scappare i prossimi appuntamenti perché oltre a perdervi la star hollywoodiana Stephen Dorff (vista pure e soprattutto nel film di Sofia Coppola, Somewhere) protagonista della pellicola del regista israeliano Eran Riklis, Zaytoun, rischiate di non vedere altri appuntamenti importanti. Il festival che racconta il medioriente per immagini promette di regalare ancora tante emozioni fino all’8 aprile.
Sono 44 i titoli in programma a questa edizione,di cui 37 anteprime nazionali (in totale 16 cortometraggi), e oltre 25 ospiti, tra registi, attori, produttori, artisti e ospiti internazionali. Un viaggio per tappe che tocca i Paesi più “caldi” dell’area Mediorientale:le storie, i personaggi, i temi forti e l’attualità nelle produzioni più recenti da Iran, Iraq, Kurdistan, Libano, Israele, Palestina, Egitto, Giordania, Emirati Arabi, Afghanistan, Siria, Bahrein, Algeria e Marocco, per far conoscere la cultura e la società di questi paesi, oltre i pregiudizi e le bad news dei media internazionali. I film in programma sono titoli premiati ai migliori festival internazionali, di autori emergenti e cineasti affermati, che difficilmente trovano una distribuzione nel circuito cinematografico italiano. Un mondo molto più pop di quanto non si possa credere.
Per la prima volta Middle East Now assegnerà il premio del pubblico al miglior film – il Middle East Now Award – scelto tra i 22 titoli in concorso, tra documentari e film di fiction.
Middle East Now non propone solo cinema ma anche cultura contemporanea (3-8 aprile 2013): ad esempio con una mostra all’Art Art Gallery di Borgo SS. Apostoli 40 “VoguArabe” di Hassan Jajjaj (5 aprile-5maggio) o l’appuntamento con la designer libanese Rana Salam e il suo Pop up Shop (6 aprile-27 aprile) da Société Anonyme in via della Mattonaia. E ancora cibo con le degustazioni di piatti libanesi e persiani, dibattiti con scrittori, giornalisti ed esperti del Medio Oriente e molto altro ancora!
Il Film Middle East Now, è ideato e organizzato dall’associazione culturale Map of Creation. La direzione artistica del festival è infatti di Lisa Chiari e Roberto Ruta.
Dal 3 aprile al cinema Odeon e dal 5 aprile anche allo Stensen.
Clicca qui per il programma.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la “sua” Firenze.

Inserisci un commento