Home » Primo Piano » A tutto vintage il giardino dell’orticoltura

A tutto vintage il giardino dell’orticoltura

MidLe amiche del Mid sono sempre più scatenate. Dopo l’appuntamento di un mese e mezzo fa con il Nuovo tra l’usato, il week end con il vintage a Pian dei Giullari, tornano ancora alla carica e ancora nel segno dell’usato di classe e di lusso. L’8 giugno 2014 il vintage colora il giardino più chic di Firenze: la serra dell’Orticoltura.
Il Tepidarium del Roster ospita questo evento nell’ambito della rassegna “SunDay Art Village” a cura dell’associazione Heyart.
Si potrà fare visita al Giardino dell’Orticoltura domenica 8 giugno (ingresso libero), dalle 10,30 alle 22.30, per curiosare tra gli stand di abbigliamento, accessori, bijoux fatti a mano, creazioni artigianali, oggetti di modernariato e da collezionismo. Un’ampia proposta, selezionata e curata dalle quattro mamme scatenate che, tra un caffè e l’attesa dell’uscita dei figli da scuola, si sono unite per portare avanti un loro progetto legato alla moda e in particolare al vintage. Con un successo sempre crescente.
Non è un caso che il programma di “SunDay Art Village” presti particolare attenzione alle famiglie, con eventi, musica dal vivo, laboratori per bambini e sorprese gastronomiche open air. Agli appuntamenti con il corso per imparare a fare origami e etegami (dalle 16 alle 19) con l’Associazione Laila e il laboratorio Combinzioni (dalle 17 alle 18,30) a cura di F.C. Francesca Campigli (post-land.com) si affiancano Francesca Mariotti e il suo laboratorio ‘Animani’ e la caccia al tesoro condotta da Elisa Perez Fernandez, illustratrice e fondatrice della casa editrice Bonito Editorial di Bilbao. Si chiude, dalle 19,30 alle 22 con aperitivo e musica dal vivo con I ragazzi scimmia. Per chi è in vena di pubblicità vintage, infine, da segnalare la mostra di Giuseppe Restano con le storiche pubblicità di Carosello e non solo.
Per partecipare midfirenze@gmail.com, pagina Facebook.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la "sua" Firenze.

Inserisci un commento