Home » Enogastronomia » A spasso con il gusto, Taste conquista Firenze

A spasso con il gusto, Taste conquista Firenze

tasteSu il sipario alla stazione Leopolda per la nona edizione di Taste, kermesse che riunisce i migliori produttori agroalimentari italiani. La manifestazione è ideata dal Gastronauta Davide Paolini e organizzata da Pitti Immagine (Stazione Leopolda di Firenze, 8-10 marzo 2014). Dalle 13,30 alle 19,30 il salone apre le porte anche ai visitatori, non solo agli operatori ma in città durante i giorni della rassegna, molti sono gli appuntamenti Fuori di Taste, alcuni pure gratuiti.
Tra gli eventi più divertenti e originali per sabato 8 marzo “Piccoli Lussi Quotidiani. Uno chef al supermercato”. Gianfranco Vissani guiderà un cooking show, ore 13, per presentare il nuovo progetto realizzato con Gastronomia Toscana alla Coop Novoli di Firenze. A partire dalle 13 presso ‘INO Bottega di Alimentari e Vino (via dei Georgofili 3r/7r, Firenze) Alessandro Frassica, patron di ‘INO, proporrà due panini dove Acquerello il Riso andrà a sostituire il pane con due piccoli mini-hamburger. La scelta sarà: riso al pomodoro con mozzarella di bufala e polvere di capperi oppure riso bianco con pestato di zucchine, zafferano e parmigiano. Co-autori delle ricette sono lo chef Marco Stabile e il giornalista di Repubblica Giuseppe Calabrese.
Tea time presso la boutique Ladurée, in cui si potrà degustare il nuovo macaron Marie-Antoinette insieme al té che porta il suo nome. L’allestimento in collaborazione con l’Argenteria Pampaloni. Appuntamento che oltre a sabato 8 marzo si replica domenica 9 marzo e lunedì 10 marzo dalle ore 18 alle ore 19.30 alla Boutique Ladurée in via della Vigna Nuova, 48r a Firenze.
Da In Fabbrica, il ristorante di Pampaloni in via del Gelsomino 99 dalle ore 17 alle 20 si degusta la tempura. La storica azienda fiorentina di argento propone “O tempora o mores” con il fritto introdotto dai Gesuiti portoghesi in Giappone. A realizzarla Ryuichi Kaneda, shogun del ristorante In Fabbrica, di giorno mensa degli operai argentieri e la sera aperto a clienti e amici. Saranno offerti anche i macaron di Ladurée.
Via Santo Spirito apre le sue botteghe sabato 8 e domenica 9, dalle 16 alle 20, per una vera e propria promenade tra atelier, artigiani ed eccellenze gasronomiche. Santo Spirito viva-nde: il salotto del gusto. L’appuntamento, organizzato da Cinzia Moncada, con i titolari delle attività coordinati da Franco Carrai e Sandra Ceni e il supporto dell’esperta di enogastronomia Paola Mencarelli, propone i gioielli golosi di Marina Calamai, la mostra alla galleria Alberto Boralevi, dal titolo “I tappeti del pane” e in via Santo Spirito 6 l’esposizione curata da Claudio Cosma con la fondazione Sensu “L’antro dei primati, il cibo prima del fuoco”.
Alle ore 19, dopo una degustazione di vini e prodotti tipici toscani (ore 17) presso la Galleria Pananti Casa d’Aste, l’asta benefica dal titolo “Battito DiVino” per la raccolta fondi da destinare alla ricerca che studia l’utilizzo delle cellule staminali  nei trapianti ossei dei pazienti oncologici pediatrici dell’Aou Careggi, Chirurgia Oncologica Pediatrica, a cui si appoggia il Meyer. Promossa da Noi per Voi e da Firenze Rugby 1931, in collaborazione con Aset, Pananti, Ristorante 4 Leoni, vede all’asta bottiglie a dir poco da collezione. L’asta è preceduta da una degustazione. L’evento è gratuito e visto il fine benefico la partecipazione è a dir poco consigliata.
Da Flair nel palazzo Gianfigliazzi Bonaparte su Lungarno Corsini 24/r peccati di gola da degustare: il cioccolato Autore di antica tradizione campana e il Moscato d’Asti dell’azienda Ivaldi, dalle 16 alle 20. Infine in via Gioberti ore 15,30 da Edoné Anna Maggia, la migliore esperta di tè in Italia guiderà una degustazione di Damman, il tè marocchino.
A tutto bacclà da Riccardo Barthel (ore 19-21) per Desinare e infine dalla gelateria Carapina in via Lambertesca il gelato al distillato Prime Uve della Bonaventura Maschio.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la “sua” Firenze.

Inserisci un commento