Home » Styloveit » Trent’anni di cinture nell’archivio on line di My Vintage Academy

Trent’anni di cinture nell’archivio on line di My Vintage Academy

vintage academy1Cinture, migliaia di cinture realizzate per brand conosciuti in ogni angolo del globo: da Givenchy a Burberry, da Ermanno Scervino a Paul Smith.
Barbara Ricchi ha creato My Vintage Academy (www.myvintageacademy.com) – una piattaforma online di ricerca tecnica a disposizione per stilisti, giornalisti e addetti ai lavori ma anche per semplici curiosi o amanti della storia del costume – che raccoglie migliaia di accessori realizzati in 30 anni di attività della sua azienda, per i più grandi stilisti del mondo. Il giusto mix tra la passione, crescente, per il vintage e le nuove tecnologie applicate al mondo della moda:
MVA, questo l’acronimo del progetto, è stato presentato a Firenze, in occasione di Pitti Uomo 83. E’ stato mostrato il funzionamento della piattaforma su web: un click e puoi trovare in questo grande catalogo virtuale cinte, gioielli e accessori oltre alla piccola pelletteria.
Con poche decine di euro si va dall’acquisto di una foto all’affitto dell’accessorio che serve. Ma si può prenotare una visita in showroom e dialogare con gli esperti per chiarimenti e consulenze personalizzate. Una finestra sempre on line su uno storico laboratorio artigiano che è un fiore all’occhiello per la Toscana.
La Ricchi, insieme al suo staff di giovani, ha messo on line la storia della sua attività fatta di tanti lavori e lunghe collaborazioni con grandi marchi. Questo, comunque, è il primo passo perché l’intenzione è di “raccogliere gli archivi di altre realtà che purtroppo rischiano di chiudere ma che hanno un patrimonio da preservare, una piattaforma digitale per imparare e scoprire il meglio dell’artigianalità, che significa creatività e manualità” spiega Barbara Ricchi.
My Vintage Academy sarà presentata in una realizzazione scenica in occasione di Pitti Filati,dal 23 al 27 gennaio 2013 (dalle 10 alle 21), attraverso la performance site specific realizzata all’interno della Stazione Leopolda da Felice Limosani.

Info su Raffaella Galamini

Firenze punto g è il blog di Raffaella Galamini. Qui racconta la “sua” Firenze.

Inserisci un commento